Glocal news
eventi online

Il car sharing E-Vai: strategico anche per il turismo

Al secondo webinar organizzato da Netweek si è parlato del futuro del servizio

Glocal news 27 Settembre 2021 ore 09:27

Car sharing, mobilità sostenibile, turismo, intermodalità dei trasporti. Di tutto questo si è parlato mercoledì mattina, 22 settembre, nella sede di Anci Lombardia a Milano in occasione del secondo convegno, organizzato dal nostro gruppo editoriale Netweek con il supporto tecnico digitale di Lariofiere, per raccontare il servizio E-Vai di FNM Group. Il nuovo appuntamento, cui hanno partecipato molti sindaci lombardi sia in presenza che da remoto, si è concentrato su "L’intermodalità dei trasporti in Lombardia e la mobilità a supporto del turismo".

E-vai come strumento di supporto al turismo

A fare gli onori di casa è stato Giacomo Ghilardi, vicepresidente di Anci Lombardia e sindaco di Cinisello Balsamo.

IL COMMENTO

"Questi webinar possono dare indicazioni essenziali ai sindaci per portare servizi innovativi ai cittadini - ha detto - Queste sono opportunità per i Comuni: connettere i territori attraverso mezzi sostenibili non è una sfida irrealizzabile anzi è la strada maestra per lo sviluppo e verso cui è indirizzato il futuro delle nostre comunità che è verde, sostenibile e inclusivo".

Il supporto di Regione Lombardia

Ad entrare nel vivo della  tematica ci ha pensato l’assessore al Clima e all’Ambiente di Regione Lombardia Raffaele Cattaneo che, all’epoca della nascita del car sharing E-Vai, guidava l’assessorato ai Trasporti.

IL COMMENTO

"Porto E-Vai nel cuore, è un’intuizione che maturammo tra il 2008 e il 2009, più di dieci anni fa. Eravamo pionieri perché proponevamo un car sharing elettrico quando non c'erano in commercio auto full electric - ha raccontato - All'epoca però era già chiaro che la direzione che stavamo imboccando era legata alla mobilità sostenibile basata sull'elettrico. Cosa possiamo dire oggi, dieci anni dopo quelle intuizioni? Che erano giuste e che l'attività di Trenord ha reso possibile il suo sviluppo. E-Vai oggi è presente in modo capillare in Lombardia con più di 100 postazioni, ha reso normale accettare l'idea di un car sharing a emissioni zero completamente elettrico e sta dando un contributo notevole a un cambiamento di orizzonte verso la mobilità sostenibile che oggi si sta affermando".

E ha concluso:

"Regione continua a investire per abbassare le emissioni di CO2 e di sostanze climalteranti per rendere sostenibili i 16 milioni di spostamenti quotidiani in Lombardia. Solo negli ultimi mesi abbiamo messo a disposizione 5 milioni per la sostituzione di veicoli inquinanti negli enti pubblici, altri 5 milioni per la creazione di infrastrutture per la ricarica elettrica sempre da parte degli enti pubblici. Inoltre è in essere il pacchetto di incentivi da 18milioni, cui abbiamo aggiunto altri 30milioni, per incentivare i cittadini a sostituire i veicoli inquinanti".

Come migliorare il turismo in Lombardia

Sul futuro di E-Vai è intervenuto anche Marco Piuri, Ad di Trenord e Dg di FNM Group

"Siamo in un momento per certi versi analogo alla nascita di E-Vai e cerchiamo di guardare al futuro - ha spiegato - Non a caso il nostro Piano Industriale per i prossimi cinque anni prevede 850 milioni di euro di investimento di cui il 60% dedicato al green. Per la nostra azienda però il rapporto con il territorio è fondamentale; infatti il nostro obiettivo è capire come

conciliare la mobilità sui grandi corridoi (autostrade, ferrovie) con quella di prossimità che rappresenta il 75% del totale. Per farlo dobbiamo capire cosa origina la mobilità e come costruire un'offerta che sia la più efficace possibile in rete con gli enti del territorio".

A parlare di turismo ci ha pensato Giovanni Martino, Ad di E-Vai.

IL COMMENTO

"La mobilità, soprattutto in questi tempi in cui il turismo di prossimità vive un grande momento, può essere fondamentale per lo sviluppo di un territorio e di flussi di viaggiatori verso un patrimonio turistico sconosciuto o ignorato perché non servito dai mezzi pubblici - ha spiegato - Con il car sharing possiamo rimettere in rete luoghi bellissimi ma dispersi nel nostro territorio e soprattutto renderli noti dando ai clienti tutte le informazioni tramite l’App".

I numeri di E-Vai

Gli interventi dei relatori si sono chiusi con Luca Pascucci, Dg di E-Vai, che ha dato i numeri del servizio.

IL COMMENTO

"Già 51 Comuni lombardi hanno attivato i nostri servizi - ha detto - Quindi ci sono 77 veicoli elettrici in più in circolazione (274 in totale in Regione, Ndr) tra quelli in esclusiva ai dipendenti comunali e quelli a disposizione dei cittadini, e sono stati già 22mila i noleggi effettuati".

Necrologie