Glocal news
eventi

Presidente Fosti: "Comunità sempre più coese"

Politiche giovanili, aiuti all'Ucraina e sostenibilità al centro dell'incontro di lunedì 11 aprile 2022 con il presidente di Fondazione Cariplo Giovanni Fosti in visita alla sede Netweek di Merate

Glocal news 11 Aprile 2022 ore 17:09

Dall'attenzione per le tematiche giovanili alla campagna a sostegno dei profughi ucraini alla creazione delle Comunità energetiche rinnovabili, il presidente di Fondazione Cariplo Giovanni Fosti ha delineato le traiettorie lungo sui cui stanno scorrendo le politiche adottate dall'ente filantropico che ha da poco spento le sue 30 candeline e che, specie dopo la dura botta provocata dalla pandemia, continua a mantenere alti i valori della coesione sociale nelle 16 comunità in cui opera. Lo ha fatto nella mattinata di oggi, lunedì 11 aprile, nel corso della visita alla sede del nostro circuito editoriale Netweek di Merate.

 

La questione giovanile

Fondazione Cariplo è molto attenta alle problematiche giovanili. Recentemente ha lanciato un bando da 2,5 milioni per il benessere emotivo, psicologico, relazionale di bambini/e e ragazzi/e. Sugli intenti del progetto, denominato Attenta-Mente, il numero uno di Fondazione Cariplo si è espresso in questa maniera:

"L'obiettivo è non lasciare da soli i ragazzi nelle loro famiglie di fronte a un problema così grande. Il disagio tra i nostri adolescenti sta purtroppo emergendo in modo diffuso. La risposta, grazie a questo bando, consente di connettere tra loro famiglie, servizi, istituzioni e Terzo settore. Il tutto per combattere un disagio che è davvero lancinante"

Il sostegno ai profughi ucraini

Fosti ha fatto quindi riferimento al ruolo giocato dalla fondazione nel sostenere i profughi ucraini. Stiamo parlando degli oltre 4 milioni di individui, di cui 2 di bambini, nei confronti dei quali le rispettive cellule territoriali hanno attivato fondi specifici per la raccolta di risorse da mettere a disposizione per l'accoglienza delle famiglie in fuga. Una gara di solidarietà che ha peraltro visto la collaborazione Netweek. Sul riscontro avuto sin qui, Fosti ha detto:

"La solidarietà, ancora una volta, si è rivelata quale cifra dei nostri territori. Al centro ci sono sì i profughi ma anche le nostre comunità, che hanno fatto del valore solidale il loro perno".

La nascita delle Comunità energetiche rinnovabili

Lo stesso ha speso anche una parola per spiegare in che cosa si tradurrà la funzione di stimolo che l'Ente rivestirà nella nascita delle cosiddette Comunità energetiche rinnovabili a impatto sociale sul territorio:

"Il tema coinvolge direttamente le comunità, le quali dovranno essere in grado di produrre e condividere energia per contrastare la nuova forma di povertà, che è quella energetica. Questo perché l'energia è diventata sinonimo di prezzi alti e scarsità. In tutto questo la Fondazione, non essendo un policy maker, può giocare il ruolo di promotore delle nuove forme di produzione dell'energia, quale fonte di reciprocità e solidarietà nella comunità".

8 foto Sfoglia la gallery
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie