Menu
Cerca
Nuova sintomatologia

Aumentano nei Pronto soccorso pazienti con sintomi da Covid, ma negativi ai tamponi

La preoccupante ipotesi è che i "negativi col Covid" siano in realtà stati positivi asintomatici e che la polmonite sia subentrata una volta negativizzati.

Aumentano nei Pronto soccorso pazienti con sintomi da Covid, ma negativi ai tamponi
13 Aprile 2021 ore 10:41

Una nuova sintomatologia si sta presentando in maniera sempre più ricorrente negli ospedali: pazienti che arrivano al Pronto Soccorso con sintomi da Covid ma sono negativi ai tamponi. Come è possibile?

Pronto soccorso: sintomi da Covid, ma tampone negativo

L’allarme arriva dal Veneto, dove i medici che nelle ultime settimane si sono ritrovati a fare i conti con un numero crescente di questi casi hanno già fatto prime ipotesi.

Li chiamano “negativi col Covid” oppure anche “Covid like”: questi pazienti hanno polmoniti avanzate e scarsa saturazione nel sangue, classici sintomi del contagio da coronavirus.

Il personale medico è inizialmente rimasto spiazzato ma, dopo aver visto diversi casi, i medici hanno ipotizzato una spiegazione.

Enrico Bernardi, primario del Pronto soccorso di Treviso, ha dichiarato davanti alle telecamere Rai:

“Hanno tutti le stesse caratteristiche cliniche del Covid-19, solo che non risultano mai positivi al tampone, però risultano positivi agli anticorpi. Hanno acquisito quindi l’infezione in qualche momento e sviluppato la polmonite, che è il sintomo più grave e la responsabile della mortalità”.

L’ipotesi quindi è che i pazienti siano stati positivi asintomatici e che la polmonite sia subentrata una volta negativizzati.

Pazienti a rischio di contagio involontario

Il fenomeno non va sottovalutato, nella presunta fase di positività – con ogni probabilità vissuta dai pazienti in modo totalmente asintomatico – le persone sono positive e potenzialmente contagiose pur ignorando di avere il virus. Ed è così che potrebbero aver involontariamente diffuso il Covid.

“La capacità di diffusione è proprio legata al fatto che le persone non sappiano di avere la malattia. Questo virus è furbo e riesce a mantenere il paziente asintomatico per lunghi periodi.”

Ha concluso Bernardi.

La prevenzione resta la via maestra: necessità di eseguire tamponi frequenti anche se non si percepiscono i sintomi. Questo non soltanto per evitare di diffondere il contagio, ma anche per non ritrovarsi negativi ma con sintomi.

Necrologie