Altro
Pallacanesto Cantù

Nuovo palazzetto a Cantù: il giudizio del Movimento 5 Stelle

La presentazione del progetto avverrà domani pomeriggio alle 18.30 in videoconferenza.

Nuovo palazzetto a Cantù: il giudizio del Movimento 5 Stelle
Altro Canturino, 23 Novembre 2020 ore 12:05

Nuovo palazzetto a Cantù: il giudizio del Movimento 5 Stelle.

Nuovo palazzetto: il giudizio del Movimento 5 Stelle

A pochi giorni dalla presentazione ufficiale del progetto del nuovo palazzetto dello sport di Cantù che dovrebbe sorgere sulle ceneri del “Palababele”, il MoVimento 5 Stelle Cantù – attraverso il suo portavoce Ruggero Bruni - ha espresso alcune considerazioni sulla sostenibilità economica dell'opera.

Le parole del consigliere Bruni

In questi giorni è presentato ufficialmente il nuovo palazzetto dello sport di Cantù e non solo, dato che nella progettazione di base si è tenuto conto anche di quello che da un anno sosteniamo e cioè che non dovrà essere uno spazio dedicato esclusivamente al basket ma uno centro di aggregazione polifunzionale per la città intera a disposizione di tutti cittadini”.Detto questo, la nostra posizione riguardo a questa nuova struttura è sempre stata molto chiara. Da tempo avevamo sottolineato l'importanza che quell’area dovesse essere trasformata, oltre che per lo sport, in uno spazio polifunzionale, e lo dimostra la nostra proposta che avevamo lanciato in tempi non sospetti. Diamo atto che nella progettazione effettuata si è tenuto conto di questo nostro input, un passo sicuramente significativo e importante. Ma la problematica, come ben si può capire, non è solo questa. Resta in sospeso una questione tutt'altro che marginale: l'aspetto finanziario che coinvolge non solo la società privata e i suoi sponsor che stanno sostenendo il progetto ma anche lo stesso Comune di Cantù, vale a dire tutti i cittadini e non solo i tifosi”.

I dubbi

Bruni ha quindi continuato: “Diciamo questo perché il Comune, oltre alla disponibilità di circa 3 milioni di euro e qualcosa che sono quelli che erano già a disposizione del Credito Sportivo mai andati in porto e rimasti inutilizzati, vengono messi poi sul piatto sempre da parte del Comune due terreni che appartengono alla città, oltre naturalmente alla concessione del terreno dove dovrebbe sorgere il nuovo palazzetto. Un apporto finanziario non indifferente, pensando anche ai debiti pregressi che i cittadini stanno ancora pagando. Le domande che ci poniamo sono: quali vantaggi avrà la città, oltre ad avere sicuramente uno spazio dedicato anche ai canturini? Risolta una grana ventennale, con questo palazzetto riusciremo a estinguere i debiti che le varie Amministrazioni passate hanno contratto in questi anni a beneficio di tutti i cittadini? Oppure saremo costretti a indebitarci di nuovo? Sarebbero disposti i cittadini di Cantù a pagare ancora? Questi sono solo alcuni degli aspetti che ancora vanno verificati e capiti. Precisiamo che da parte del MoVimento 5 Stelle Cantù non esiste nessun ostruzionismo o preclusione all'approvazione del progetto del nuovo palazzetto che noi tutti attendiamo da anni. Ma certamente non possiamo fingere che quest'opera non costi nulla alla città, pur tenendo conto anche dei vantaggi e dei benefici che la nascita del nuovo palasport porterebbe avere. A proposito di vantaggi. Se collochiamo queste considerazioni in un periodo storico così complicato dove le esigenze di molte persone in difficoltà economiche hanno per noi la priorità assoluta, tutto questo sarà fattibile e sostenibile senza ulteriori rinunce a patto che nessuno ne risulti penalizzato. I prossimi mesi serviranno per approfondire la tematica del nuovo palazzetto, valuteremo anche questi aspetti per dare il nostro contributo alla risoluzione di questo incubo che ci attanaglia da anni. Saremo ben contenti, una volta per tutte, di portare a casa una struttura, come già detto non esclusiva solo per il basket, ma per la città intera sempre se non inciderà nuovamente sulle tasche di tutti noi”.

La presentazione del progetto

Il progetto relativo al nuovo palazzetto verrà presentato ai consiglieri comuni domani, martedì, alle 18.30 in videoconferenza.

Necrologie