Attualità
L'evento

A Como la prima "Giornata della ricerca" del Dipartimento di Diritto economia e culture dell’Insubria

Il 15 e 16 settembre professori e ricercatori raccontano i loro studi su persuasione e argomentazione, internazionalizzazione, sostenibilità. Un evento aperto al pubblico, promosso dalla direttrice del Didec Francesca Ruggieri

A Como la prima "Giornata della ricerca" del Dipartimento di Diritto economia e culture dell’Insubria
Attualità Como città, 14 Settembre 2022 ore 15:43

L’Università dell’Insubria apre le porte del Chiostro di Sant’Abbondio, a Como, per la prima edizione della Giornata della ricerca organizzata dal Dipartimento di Diritto economia e culture il 15 e 16 settembre.

A Como la prima "Giornata della ricerca" del Dipartimento di Diritto economia e culture dell’Insubria

Giuristi, economisti e linguisti di grande esperienza e ricercatori si alternano nel raccontare lo stato degli studi nelle tre aree tematiche del Didec: persuasione e argomentazione, internazionalizzazione, sostenibilità. Gli incontri sono aperti al pubblico e a tutti gli studenti: un’occasione per capire come l’università intervenga nella vita e nella crescita della società civile con contributi scientifici e qualificati.

Spiega Francesca Ruggieri, direttrice del Didec: "Si tratta di argomenti importanti che consentono di approfondire sia profili teorici sia aspetti più pratici della ricerca, sempre più vicina alle esigenze della comunità anche non scientifica nel suo complesso. Si potranno quindi ascoltare i risultati di studi relativi a intelligenza artificiale, all’effettività delle regole sociali, o alla lettura degli spartiti musicali. Si approfondiranno i punti più critici del mercato del lavoro, delle recenti novità a proposito di processo e magistratura, del rapporto tra diritto e lingua ovvero ancora tra tutela dati e riservatezza. Il secondo giorno, che interesserà in particolare la sostenibilità, quindi una delle materie oggi di particolare attualità anche politicamente, consentirà di ragionare su ambiente, energie rinnovabili, consumi, sino ad incidere su ambiti più specifici quali i beni culturali, il patrimonio architettonico, il volontariato e il terzo settore, il mondo della ristorazione e la produzione tessile".

Il programma

La giornata di giovedì 15 settembre si apre alle 10 con l’introduzione e i saluti di Francesca Ruggieri. La prima sessione è dedicata al tema "Persuasione e argomentazione" e moderata da Emanuele Boscolo, con interventi di Maurizio Cafagno, Carmela Leone, Giulia Barone, Thomas Di Candia, Gilda Ripamonti, Lilli Viviana Casano, Dominique Feola, Etienne Invernizzi. Nella sessione del pomeriggio, dalle 14.30, si parla di «Internazionalizzazione» con Francesca Ruggieri, Barbara Pozzo, Giuseppe Colangelo, Luigi Testa, Lino Panzeri, Davide Mustari, Andrea Baggio e Curzio Fossati, moderatore Fabrizio Vismara.

Venerdì 16 settembre la giornata è tutta dedicata alla "Sostenibilità". Il focus della mattina, dalle 10, è moderato da Chiara Perini, relatori Giulia Tiberi, Viola Molteni, Stefano Fanetti, Eleonora Sartore, Maria Vittoria Borghetto, Candida Parlato, Carlotta Calemme, Elena Nalato, Federica Piras. Nel pomeriggio, dalle 14.30, modera Giuseppe Porro, intervengono Marta Cenini, Paolo Lepore, Sebastiano Citroni, Roberta Grasselli, Stella Coglievina, Serenella Rossi, Elisabetta Codazzi, Roberta Minazzi, Alessandro Panno, Giacomo Furlanetto.

Durante le due giornate spazio anche alle presentazioni dei centri di ricerca del Didec: il Centro studi sulla giustizia riparativa e la mediazione (Cesgrem), il Centro studi sulle politiche ambientali e territoriali (Polamb), il Centro interdipartimentale di ricerca in diritto comparato, il Centro di ricerca di diritto doganale e del commercio internazionale, il Centro di ricerca di diritto svizzero, il Centro di ricerca e studi su diritto media informazione e società (Dirmis), il Centro di ricerca sulla moda sostenibile, il Centro di ricerca religioni diritti ed economie nello spazio mediterraneo (Redesm), il Centro di ricerca federalismo e autonomie locali (Fedal).

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie