Sono dieci

All’Hub di Villa Erba al lavoro anche il Corpo Militare dei Cavalieri Italiani del Sovrano Militare Ordine di Malta

I dieci militari, tutti sanitari, sono coordinati dal referente territoriale, il maresciallo Maurizio Bona.

All’Hub di Villa Erba al lavoro anche il Corpo Militare dei Cavalieri Italiani del Sovrano Militare Ordine di Malta
Attualità Erba, 23 Giugno 2021 ore 16:57

Dallo scorso 10 maggio affiancano il personale e i volontari che operano nell’Hub di Villa Erba anche dieci appartenenti al Corpo Militare dell’associazione dei Cavalieri Italiani del Sovrano Militare Ordine di Malta. L’A.C.I.S.M.O.M. è un corpo speciale ausiliario dell’Esercito Italiano, il cui scopo istituzionale è “… cooperare con l’Esercito Italiano per lo svolgimento di attività di soccorso sanitario in circostanze di guerra, pubblica calamità e di emergenza, sia all’interno del territorio nazionale, sia nel corso di missioni umanitarie e per il mantenimento della pace al di fuori del territorio nazionale”. L’associazione venne istituita nel 1877 per volontà di un gruppo di Cavalieri Italiani dell’Ordine di Malta.

All’Hub di Villa Erba al lavoro anche il Corpo Militare dei Cavalieri Italiani del Sovrano Militare Ordine di Malta

I dieci militari, tutti sanitari, coordinati dal referente territoriale, il maresciallo Maurizio Bona - che è un coordinatore infermieristico di Asst Lariana all’ospedale Sant’Anna - prestano servizio volontario cinque giorni alla settimana, nel turno del pomeriggio dalle 14 alle 20. “Tra le dieci persone coinvolte - osserva il maresciallo Maurizio Bona - abbiamo anche personale in attesa di arruolamento, quattro infermieri ed un medico, tutti desiderosi di mettersi immediatamente a disposizione della Croce di Malta”. “Mi fa piacere aver avviato la collaborazione con A.C.I.S.M.O.M che si è rivelata una risorsa significativa nell’esecuzione del piano vaccinale” sottolinea il direttore generale di Asst Lariana, Fabio Banfi.

Il maresciallo Maurizio Bona

Il Corpo Militare dell’A.C.I.S.M.O.M. è articolato su un Comando Generale, a Roma, e su nove Unità Territoriali, una Squadra Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto (S.A.P.R.), un Servizio Medico Veterinario ed una Sezione CBRN (quella destinata agli interventi di tipo nucleare, biologico, chimico e radiologico) in seno all’Unità Territoriale “Primo”, nella quale il personale operante a Como è inquadrato. Le Unità Territoriali sono composte da personale volontario e, dunque, non retribuito. L’Unità Territoriale “Primo” è stata istituita nel 1996 come “Primo Reparto”. Ha competenza sulle regioni Valle d'Aosta, Piemonte, Lombardia, Liguria ed Emilia Romagna ed ha sede all’Ospedale Militare di Milano. L’Unità è gemellata con le Batterie a Cavallo “Voloire” e con il terzo Reggimento Bersaglieri, due dei più gloriosi reggimenti dell’Esercito Italiano. Il responsabile dell’Unità Territoriale “Primo” è il tenente colonnello Renato Paolo Mazzon, milanese, ingegnere ed architetto. Mazzon ha maturato una ricca esperienza nell’ambito della gestione delle emergenze e, come ufficiale del Corpo Ingegneri dell’Esercito Italiano, ha partecipato a diverse missioni nella ex Jugoslavia, in Albania, Iraq, Afghanistan e Libano.

Per l’arruolamento è necessario essere cittadini italiani maggiorenni, incensurati, aver adempiuto agli obblighi di leva nelle Forze Armate o essere comunque militesenti. Sul sito internet ordinedimaltaitalia.org gli interessati possono trovare tutte le indicazioni per la domanda.

Necrologie