Menu
Cerca
I dati

Asst Lariana: "Fase emergenziale superata. Tra il 2019 e il 2020 contrazione del 19.7% dell'attività ambulatoriale"

Parla il direttore generale, Fabio Banfi.

Asst Lariana: "Fase emergenziale superata. Tra il 2019 e il 2020 contrazione del 19.7% dell'attività ambulatoriale"
Attualità Como città, 04 Giugno 2021 ore 14:52

"Con l’ospedale Sant’Anna individuato come Hub di riferimento provinciale per il Covid-19, è da oltre un anno che sosteniamo il peso dell’emergenza. Complessivamente, in tutte le nostre strutture, abbiamo assistito oltre 4mila pazienti Covid positivi. Oggi, finalmente, possiamo ipotizzare che la fase emergenziale è superata e quindi è arrivato il momento della ripartenza e della riprogrammazione". Parole queste del direttore generale di Asst Lariana Fabio Banfi sul Piano di ripresa per i prossimi mesi che è in via di definizione in questi giorni. L'attenzione dovrà anche essere posta sull'attività ambulatoriale.

Il direttore generale di Asst Lariana: "Fase emergenziale superata"

"Come richiesto da Regione Lombardia obiettivo del secondo semestre di quest’anno sarà aumentare la produzione dell’attività specialistica ambulatoriale e di ricovero programmato. Sul fronte dell’attività specialistica ambulatoriale dovremo garantire almeno il 90% della produzione erogata nel medesimo periodo del 2019 e per quanto riguarda l’attività di ricovero programmato in ambito chirurgico il 100% di quanto erogato nel medesimo periodo del 2019. Ripartiremo con orari prolungati per aumentare il numero delle visite specialistiche e organizzeremo le sale operatorie prevedendo interventi anche il sabato”.

“Non possiamo dimenticare cosa l’emergenza abbia comportato in termini di riorganizzazione ed assistenza ai pazienti per gli ospedali - prosegue il direttore generale - L’ospedale Sant’Anna, in particolare ha visto cannibalizzato oltre il 75% dei propri posti letto”. Insieme all’ospedale Sant’Anna, e naturalmente tutti e tre i Pronto Soccorso, hanno dato il proprio apporto per la cura dei pazienti Covid il presidio di Cantù, quello di Mariano Comense dove è stata aperta una degenza di cure sub-acute, quello di via Napoleona, dove è stata attivata una degenza di comunità.

Vaccini

Da gennaio 2021 Asst Lariana è stata investita dell’organizzazione e gestione del Piano vaccinale, attività che vede la provincia di Como (dati aggiornati al 3 giugno) al secondo posto in Lombardia con una percentuale del 50,47% di copertura della popolazione con la prima dose (259.902 le prime dosi somministrate, 116.325 le seconde dosi, fonte Regione Lombardia). Per oltre il 70% la somministrazione delle vaccinazioni è in carico alla sola Asst Lariana, investita anche dell’implementazione del Piano Vaccinale con il governo, sempre attraverso il proprio personale, degli Hub Massivi, Villa Erba a Cernobbio e Lariofiere ad Erba.

"Tra il 2019 e il 2020 contrazione del 19.7% dell'attività ambulatoriale"

Per quanto riguarda l’attività ambulatoriale, tra il 2019 e il 2020 abbiamo subito una contrazione complessiva del 19,7% - sottolinea il dg - Non dimentichiamo, tra l’altro, oltre al personale impegnato nelle degenze Covid, l’impatto delle misure di sicurezza imposte, dalla sanificazione degli ambulatori alla rarefazione delle visite per evitare assembramenti. Sul fronte chirurgico, gli interventi urgenti sono stati garantiti durante tutte le fasi emergenziali così come gli interventi non urgenti a favore dei pazienti oncologici e dei pazienti affetti da patologie tempo-dipendenti. In particolare il numero di interventi chirurgici erogati nel 2020 rispetto al 2019 ha visto un aumento della percentuale degli interventi oncologici rispetto al totale delle procedure, dal 22 al 26% ed un aumento consistente delle prestazioni di chirurgia robotica con 105 interventi eseguiti nel 2020”.

TUTTI I DATI

4 foto Sfoglia la gallery

“Asst Lariana - conclude il direttore generale - non è l’unico "attore" del sistema sanitario locale. Credo sia opportuna, pertanto, un’analisi comparativa su tutta la rete d’offerta provinciale per capire gli effetti della pandemia sulla sanità del nostro territorio”.

Necrologie