Menu
Cerca
Il tema saranno le Olimpiadi

Centri estivi per l'infanzia a Como: le tre proposte del Comune

Sono dedicati ai bambini dai 3 ai 6 anni.

Centri estivi per l'infanzia a Como: le tre proposte del Comune
Attualità Como città, 28 Maggio 2021 ore 14:53

A Como quest’anno l’assessorato alle Politiche educative propone tre centri estivi per i bambini dai 3 ai 6 anni, scegliendo di concentrarsi sulla fascia di età dove l’offerta dei privati è meno ampia. Saranno attivati dal 5 al 30 luglio, dalle 7.45 alle 17.30 dal lunedì al venerdì, alla scuola dell’infanzia di via Zezio, alla scuola dell’infanzia di via Briantea e alla scuola dell’infanzia di Sagnino. Il tema di quest’anno sono le Olimpiadi.

Centri estivi per l'infanzia a Como: le tre proposte del Comune

Il contributo richiesto è di 86 euro a settimana per i residenti a Como e di 101 euro a per i non residenti. Nel modulo di iscrizione pubblicato sul sito istituzionale del Comune, oltre alle modalità per procedere sono specificate le agevolazioni previste per i residenti. Si precisa che l’iscrizione è sempre subordinata all’assenza di debiti e/o morosità con il settore Politiche educative (rette asili nido, rette/costi pasto refezione scolastica, pre o post dopo scuola, eventuali debiti diversi).

Ogni centro estivo può accogliere fino a circa 30 bambini. In linea con quanto stabilito l’anno scorso, nel caso in cui le domande superassero i posti disponibili sono previste le seguenti priorità:
- bambini disabili con intero nucleo familiare residente a Como (riserva 15%);
- bambini segnalati dal Settore Servizi Sociali o da Comunità/Associazioni del territorio causa situazioni di disagio familiare/violenza contro le donne o bambini in affido (riserva 20%);
- utenti con intero nucleo familiare residente a Como che segnalino oggettive esigenze familiari e/o particolari criticità (a completamento disponibilità);
- utenti con intero nucleo familiare residente a Como e già fruitori nel corrente anno scolastico dei Servizi Scolastici comunali con precedenza a chi ha indicato un numero superiore di settimane in quanto indicativo di un particolare bisogno (a ulteriore completamento disponibilità);
- in caso di ulteriore disponibilità, residenti dall’ISEE più basso.

L'assessore: "Ci siamo concentrati sui più piccoli"

"Viviamo un’epoca di transizione - spiega l’assessore alle Politiche educative, Alessandra Bonduri - e l’emergenza ha accelerato un processo già in atto in precedenza: si va sempre più nella direzione di una gestione di rete dei servizi, che mette insieme le forze e agevola le compensazioni per andare incontro alle esigenze delle famiglie. Le modalità con cui dare risposta ai bisogni viene concepita in un orizzonte più ampio. In questo caso ci siamo concentrati sui più piccoli, rilevando che i privati organizzano centri estivi prevalentemente per i bambini delle scuole primarie e secondarie. Parteciperemo anche al bando di Regione Lombardia “Estate insieme”, per iniziative estive complementari rivolte a bambini e ragazzi, e valuteremo le linee guida del Ministero della Famiglia sull’attribuzione di fondi che potrebbero essere destinati ai Comuni. Stiamo valutando inoltre la possibilità di tenere aperti alcuni nidi fino alla fine luglio, e ringrazio gli istituti comprensivi che pur con tante difficoltà e tempi stretti per l’organizzazione, si sono impegnati per restare aperti fino a metà luglio".

Necrologie