Attualità
sanità

Cisl Medici dei Laghi: "Inaccettabile la situazione al Sant'Anna"

Toni duri da parte del segretario generale Paolo Iaria, nei confronti di Asst Lariana.

Cisl Medici dei Laghi: "Inaccettabile la situazione al Sant'Anna"
Attualità Como città, 13 Febbraio 2022 ore 10:05

Il segretario generale Paolo Iaria commenta l'ultimo addio di un collega all'ospedale cittadino.

Cisl Medici dei Laghi: "Inaccettabile la situazione al Sant'Anna"

“Un altro medico che lascia il Sant'Anna, e non perché attratto da una busta paga più sostanziosa oltre confine, visto che resterà a lavorare in Italia, ma perché soffocato da condizioni di lavoro che non sono più accettabili. È tempo che Asst Lariana affronti la questione, con serietà e rispetto, nei confronti del personale e degli stessi cittadini”.

Sono toni duri quelli di Paolo Iaria, segretario generale della Cisl Medici dei Laghi, lui stesso medico di medicina generale, nel commentare l’ultimo addio di un collega al principale nosocomio cittadino. “Appare evidente che ci sia qualcosa che non funziona all’interno di Asst Lariana – prosegue Iaria – ed è tempo che i vertici aziendali inizino ad interrogarsi su quali possano essere le ragioni. La realtà è di condizioni di lavoro insostenibili e poco dignitose, complice una burocrazia che ha reso farraginose molte procedure e dilatato in maniera inaccettabile i tempi di cura. E nonostante le promesse di porvi rimedio da parte della direzione, poco o nulla è stato fatto. Il clima di tensione che da tempo si è creato tra i sanitari e l’azienda è diventato logorante, e a pagare non è soltanto il personale, che sta scegliendo altre sedi, ma i cittadini, che iniziano a perdere fiducia nei confronti della sanità pubblica. Se l’obiettivo è quello di potenziare la sanità privata, a scapito di quella pubblica, che si abbia il coraggio di dirlo chiaramente”.

“Da tempo denunciamo il clima intollerabile che si respira dentro il Sant'Anna – commenta Daniele Magon, segretario generale della Cisl dei Laghi - nonostante ci sia stato chi, contro ogni evidenza, abbia più volte dichiarato che va tutto bene. Così non si può andare avanti. La nostra sanità ha bisogno di meno dirigenti e più medici, solo così si può rispondere al bisogno di tutela della salute che il nostro territorio chiede”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie