Attualità
Chiesto un intervento

Costo carburante nel Comasco Braga (Pd) presenta interrogazione al Mise, Mef ed Esteri

"La convenienza degli automobilisti comaschi a rifornirsi oltre confine sta producendo conseguenze importanti".

Costo carburante nel Comasco Braga (Pd) presenta interrogazione al Mise, Mef ed Esteri
Attualità Como città, 16 Febbraio 2022 ore 12:02

Da qualche tempo Como risulta essere la provincia lombarda in cui i costi del carburante sono più alti e nella quale si registra un forte squilibrio territoriale dei prezzi al suo interno e, soprattutto, in rapporto alla vicina Svizzera.

Costo carburante nel Comasco Braga (Pd) presenta interrogazione al Mise, Mef ed Esteri

"La marcata differenza dei prezzi dei carburanti tra Italia e Svizzera ha determinato la ripresa del fenomeno del ‘pendolarismo del pieno’ che la presenza della carta sconto, purtroppo di recente sospesa da Regione Lombardia, aveva mitigato se non annullato. La convenienza degli automobilisti comaschi a rifornirsi oltre confine sta producendo conseguenze importanti sia come minori entrate, in termini di accise e di Iva, per lo Stato italiano, che di mancati guadagni per i distributori italiani; effetti negativi a tutto vantaggio della Svizzera". A dirlo è la deputata comasca del Partito Democratico Chiara Braga, dopo il monitoraggio dei prezzi dei carburanti con la Svizzera e la conseguente sospensione della carta sconto operata da Regione Lombardia nonostante il differenziale reale dei prezzi praticato dai distributori agli automobilisti sia ampiamente sopra il margine dei 0,05 euro al litro.

"Per questo – informa la deputata dem - ho presentato un’interrogazione ai ministri dello Sviluppo Economico, dell’Economia e degli Esteri per chiedere loro, per quanto di competenza, di intervenire per affrontare il problema della concorrenza, ormai insostenibili, dei prezzi del carburante tra Italia e Svizzera al fine di rendere competitive le stazioni comasche di frontiera più vicine al confine elvetico, evitando così perdite per il nostro Paese e limitando lo squilibrio dei prezzi interni alla provincia di Como".

"Ho inoltre chiesto ai ministri – conclude Braga - se non ritengano necessario intervenire anche per correggere i criteri di monitoraggio e rilevazione del differenziale dei prezzi dei carburanti per l’applicazione della carta nelle zone di confine con la Svizzera, rendendo tale meccanismo più preciso e rispondente alla realtà".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie