Attualità
Sabato sul Giornale di Cantù

Festa del Gatto: una valanga di foto dei vostri mici

Ecco alcune delle foto che ci avete inviato, tutte saranno pubblicate sul Giornale di Cantù da sabato.

Festa del Gatto: una valanga di foto dei vostri mici
Attualità Como città, 17 Febbraio 2022 ore 11:22

Oggi giovedì 17 febbraio 2022 ricorre la festa del gatto e anche noi abbiamo deciso di celebrarla. In che modo? Offrendo a tutti voi lettori una vetrina per i vostri amici pelosi a quattro zampe. Negli ultimi giorni ci avete letteralmente inondato di immagini del vostri mici. Ieri, mercoledì 16 febbraio, era l'ultimo giorno per poter vedere le foto dei vostri amici pelosi sulle pagine del Giornale di Cantù.

Festa del gatto, alcune curiosità

I nostri mici di casa sono delle vere e proprie star anche del web e dei social: spesso hanno dei profili dedicati dove vengono raccontate le loro giornate tra le cure amorevoli del padrone, i giochi e le fusa sul divano.

Lo sapevate che proprio sui gatti si rincorrono una buona dose di falsi miti, mezze verità e credenze popolari che affondano le loro radici in leggende metropolitane che non sempre corrispondono alla verità? Vediamone insieme qualche esempio sui temi più importanti come alimentazione, regole di cura, gestione del gatto tra le mura domestiche e salute.

WhatsApp Image 2022-02-16 at 15.13.00
Foto 1 di 5
WhatsApp Image 2022-02-16 at 15.30.20
Foto 2 di 5
WhatsApp Image 2022-02-16 at 15.34.51
Foto 3 di 5
WhatsApp Image 2022-02-16 at 17.11.38
Foto 4 di 5
WhatsApp Image 2022-02-16 at 17.32.31
Foto 5 di 5

Festa del gatto: ecco le curiosità. Può cibarsi di soli vegetali

No. Il gatto è un animale carnivoro e ha bisogno di alcuni nutrienti che non sono presenti nel mondo vegetale, per potersi alimentare in modo completo e bilanciato. Stop anche alle tendenze alimentari di cui si sente tanto parlare come ad esempio quella dell’alimentazione a base di sola carne cruda.  Sebbene possa essere interessante dal punto di vista del profilo nutrizionale comporta sempre un alto rischio sanitario sia per l’animale che la assume sia per chi convive con lui. Questo perché tramite le feci, il gatto potrebbe diffondere nell’ambiente domestico malattie pericolose anche per l’uomo (come la salmonella e l’escherichia coli).

Artù di Assunta Minunzio da Tosnacco
Foto 1 di 16
Axel di Assunta Minunzio da Tosnacco
Foto 2 di 16
Babette, detta Baby, di Oscar e Franca Ferretti di San Fermo della Battaglia
Foto 3 di 16
Bea di Colombo Cristina a Lipomo
Foto 4 di 16
Birba di Manuela Zani bulgarograsso Como
Foto 5 di 16
Briciola di Monica a Lipomo
Foto 6 di 16
Candy di Simona a Milano
Foto 7 di 16
Carletto di Francesca a Mariano Comense
Foto 8 di 16
Charlotte e Dali' di Simona a Milano
Foto 9 di 16
Ciao sono Stella occhio ad avvicinarvi alla casa di Gabriella a Cabiate
Foto 10 di 16
Dali' di Simona a Milano
Foto 11 di 16
Dali' Minu' e Candy di Simona a Milano
Foto 12 di 16
Diamantina Maine coon Alvaro Bardelle di Capiago Intimiano
Foto 13 di 16
Felix di Cristina e Sara di Cermenate
Foto 14 di 16
Gastone abita con Betty Marco e Lupo a Cantù
Foto 15 di 16
gatta Trilly di Lisa Redaelli a Casnate con Bernate
Foto 16 di 16

Non sente il sapore dolce

La percezione dei sapori nel gatto è influenzata dalle sue esigenze nutrizionali. Essendo un carnivoro
stretto predilige su tutti il gusto salato. È in grado di percepire anche l’amaro e l’acido, gusti che gli permettono di comprendere lo stato di conservazione e la qualità del cibo, ecco perché sono animali così selettivi. In teoria le papille gustative per il gusto dolce sono scarsamente presenti, anche se è curiosa la recente tendenza rilevata in alcuni soggetti a prediligere cibi zuccherini.

Leo di Stefania Rampoldi a Fino Mornasco (1)
Foto 1 di 31
Leo Padrone Jhon dal Comune di Como
Foto 2 di 31
Lilli di Grazia Comini Carimate
Foto 3 di 31
Liz di Livio Cristina a Cantù
Foto 4 di 31
Lumi di Livio Cristin a Cantù
Foto 5 di 31
Maia con il suo gattino di Simona a Bregnano
Foto 6 di 31
Max di Stefania Rampoldi a Fino Mornasco (2)
Foto 7 di 31
Micia di Margherita Carimate
Foto 8 di 31
Micio di Daniela e Mirko di figino serenza
Foto 9 di 31
Milly e Tabù, Cinzia Lipomo
Foto 10 di 31
Milu' di Cristina e Sara di Cermenate
Foto 11 di 31
Mino di Graziana a Como
Foto 12 di 31
Minu' di Simona residente a Milano
Foto 13 di 31
Nerina di Leonella Donati a Cassina Rizzardi
Foto 14 di 31
Oscar di Elisa da Cantù
Foto 15 di 31
Penny Elena Carella Bellagio
Foto 16 di 31
Perla di Giulia a Merone
Foto 17 di 31
Pippo di Elena Ferretti di Fino Mornasco
Foto 18 di 31
Principe Maria Teresa Rossi da Roma
Foto 19 di 31
Principessa di Paola a Senna Comasco
Foto 20 di 31
Romeo di Eleonora Zani bulgarograsso Como
Foto 21 di 31
Romeo, Famiglia Frigerio, Albavilla
Foto 22 di 31
Romeo. Io mi chiamo Pierluigi mariani , paese Carimate
Foto 23 di 31
Sahara di Simona a Bregnano
Foto 24 di 31
Smidol di Michele residente a Bregnano
Foto 25 di 31
Sono Kelly, una micetta di 2 anni. Mi piace giocare con il mio padroncino Jona a rincorrerci per casa e io mi nascondo ovunque. Abitiamo a Cantù.
Foto 26 di 31
Thelma di Michele a Bregnano
Foto 27 di 31
Tiffany di Nicoletta residente a Cantù
Foto 28 di 31
TJ di Livio Cristina a Cantù
Foto 29 di 31
Valeria Colombo, Pissi (gatto rosso), Ketty (gatto bianco), comune di residenza Carimate
Foto 30 di 31
Vicky, Cinzia Lipomo
Foto 31 di 31

Non ama l’acqua

È un credo diffuso che i gatti abbiano paura dell’acqua: in realtà, come tutti i felini, sanno muoversi bene
nell’ambiente acquatico. Ci sono alcuni motivi per cui il gatto non ama l’acqua, per esempio il pelo bagnato li rende più pesanti e goffi, il loro olfatto molto sviluppato non ama le profumazioni, l’acqua fredda abbassa la temperatura corporea. Non è detto però che l’esperienza del bagno non possa essere piacevole o accettabile per il gatto, si possono abituare fin da cuccioli, e ci sono addirittura gatti che amano nuotare, come il Turco Van dal pelo idrorepellente. Inoltre, i gatti a pelo lungo ( come il Persiano Siberiano Mainecoon ) necessitano di continui spazzolamenti e cure dermocosmetiche.

Hermes di Stefania a Cantù
Foto 1 di 18
IMG_4147
Foto 2 di 18
IMG_4578
Foto 3 di 18
IMG_20220213_134702
Foto 4 di 18
IMG-20210329-WA0014_2
Foto 5 di 18
IMG-20211217-WA0028
Foto 6 di 18
IMG-20220202-WA0030
Foto 7 di 18
Loki & Niki proprietarioTommaso Gerenzano
Foto 8 di 18
Loki di Nicolò Galbiati a Cantù
Foto 9 di 18
Loki proprietarioTommaso Gerenzano
Foto 10 di 18
Mi chiamo Milù sono la gattina di Alessandro e abito a Cantù
Foto 11 di 18
Mylord di Simona a Bregnano
Foto 12 di 18
Nikita proprietarioTommaso Gerenzano
Foto 13 di 18
Nome gatto Alaska Razza British shorthair Padroni Ingrid, Alessia, Nadim. Residenza Cabiate
Foto 14 di 18
Nuvola di Figino Serenza di Piera
Foto 15 di 18
Nuvola e Grignetta di Piera a Figino Serenza (grignetta purtroppo è mancata un mese fa)
Foto 16 di 18
Theo di Nicolò Galabiati a Cantù
Foto 17 di 18
Zampetta di Simona a Bregnano
Foto 18 di 18

È un animale pigro

Secondo i comportamentalisti felini, il gatto non soffre di solitudine ma può soffrire di noia: il suo corpo atletico a un apparto sensoriale sensibile, richiedono che abbia sempre qualcosa da fare per il suo benessere psicofisico. Se per il cane servono almeno 4 passeggiate al giorno, per il gatto sono sufficienti 5 minuti di attività e stimolazione 5 volte al giorno, preferibilmente di mattina e di sera. È quindi opportuno curare l’ambiente in cui vive in casa in modo da essere a sua misura. Ad esempio:
– ama guardare fuori dalla finestra: per farlo felice basta creare un punto di osservazione utilizzando uno scaffale, una libreria o anche una sedia;
– ama infilarsi in “tane” in cui rifugiarsi. Basta un semplice cartone con un foro di entrata;
– gli piace scrutare la casa dall’alto. I gatti hanno infatti una visione a 200 gradi, a differenza dell’uomo che si ferma a 180. Sì a mensole che girano per tutta la stanza e a scale su cui arrampicarsi;
– mettere in sicurezza lo spazio: allontanare dalla sua portata piante che possono essere tossiche, oggetti che possono essere facilmente ingoiati e proteggere i cavi elettrici.

Non ha bisogno di cure veterinarie

Solo 1 proprietario su 4 fa visitare regolarmente il proprio gatto. È importante recarsi dal veterinario almeno 3 volte all’anno. Ma soprattutto, è bene abituarsi a costanti controlli: un controllo delle urine almeno 1 o 2 volte all’anno, sia nei gatti maschi sia femmine. La sabbia preposta al raccoglimento delle urine è un sistema di controllo domestico che evita lo stress dell’analisi delle urine ambulatoriale che prevede quasi sempre la sedazione. Questo è un plus importante. Ma non solo. E’ importante anche un controllo odontoiatrico: il 70% dei gatti soffrono di problemi alla bocca, la maggior parte dei quali sono causati da una scarsa igiene orale e dall’accumulo di placca e tartaro che sono al primo posto nella classifica dei problemi di salute a cui vanno incontro gli amici a quattro zampe. Reni, fegato e cuore sono gli organi più colpiti da infezioni secondarie derivanti dalla scarsa igiene orale. Parola d’ordine: prevenzione.

Ha 7 vite

I gatti, nonostante la loro piccola stazza, sanno cavarsela egregiamente in molte situazioni, questo è motivo per il quale si ritiene che abbiano sette vite, o forse sarebbe meglio dire sette possibilità di cavarsela in più rispetto ad altri animali, o umani. Hanno un sesto senso molto sviluppato, oltre agli altri. Possono muoversi agevolmente nella penombra, sono ottimi cacciatori, sanno atterrare “in piedi” pure cadendo da altezze elevante, fanno salti acrobatici, sanno ritrovare la via di casa, sono molto agili e ultimo ma non meno importante sono animali molto puliti, una prevenzione non trascurabile.

Il carattere dipende dal colore del mantello

È un collegamento che non ha nessuna base scientifica ma alcuni ricercatori sostengono che ci sia un legame tra il livello di melanina (che dà il colore) e quello di dopamina (che regola, tra le altre cose, la sensazione di piacere). Ogni gatto ha una personalità a sé ma i proprietari in generale riportano che i gatti chiari, i rossi e i maschi sono più tranquilli e socievoli, i tricolore (tortie) i più lunatici, i gatti scuri i più misteriosi e intraprendenti.

La loro presenza ci fa stare meglio

Insomma ci sono tantissime dicerie, alcune vere in parte altre meno, su questi magnifici esemplari di simpatia, morbidezza e agilità. Quel che conta, in ogni caso è che una volta accolti in casa i gatti hanno davvero un effetto benefico sulla salute di tutta la famiglia. Un effetto ancora più evidente nei periodi difficili come quelli che stiamo attraversando. La Lombardia, oltretutto, è una delle regioni con più amanti dei gatti, seguita da Lazio e Toscana. Quelle con il maggior trend di crescita durante la pandemia sono state invece la Calabria, il Trentino e la Sardegna.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie