Attualità
ONORIFICENZA

Gli eroi del bus incendiato premiati dal Presidente Mattarella

Salvarono, con grande coraggio e determinazione, 25 ragazzi tra i 10 e i 13 anni.

Gli eroi del bus incendiato premiati dal Presidente Mattarella
Attualità Erba, 14 Novembre 2021 ore 11:59

Mauro Mascetti e Giovanni Lo Dato, gli eroi del bus incendiato, sono stati insigniti con l’onorificenza della Repubblica dal Presidente Sergio Mattarella.

Gli eroi del bus incendiato premiati da Mattarella

Un incidente che poteva in un attimo trasformarsi in tragedia quello accaduto lo scorso luglio sulla Statale 36. Un pulmino, con a bordo un'intera comitiva di un'oratorio comasco che si stava recando in gita a Livigno, ha preso fuoco in una galleria nel territorio di Varenna. Erano stati proprio Mauro Mascetti e Giovanni Lo Dato a trarre in salvo tutti i ragazzi, accompagnandoli fuori dal tunnel. Così, dopo la premiazione della Regione avvenuta lo scorso 28 luglio 2021, arriva anche quella della Repubblica.

La notizia, infatti, è che i due eroi del bus incendiato hanno ricevuto dal Presidente Sergio Mattarella le onorificenze rispettivamente di Ufficiale e Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana per essersi distinti nell’impegno verso la società civile. Grazie al loro coraggio e al sangue freddo dimostrato in quella circostanza, tutti sono stati tratti in salvo, scampando alle fiamme.

Il racconto dell'incidente

L'allarme era scattato nella mattinata di martedì 13 luglio 2021. L'autobus della Croce Rossa era diretto verso Livigno quando ha preso fuoco in un tratto della Statale 36 all'interno della galleria Fiumelatte, in direzione Nord, tra Varenna e Bellano. A bordo c'erano 25 ragazzi di Lipomo, in provincia di Como, tutti tra i 10 e i 13 anni. I giovani passeggeri sono stati tutti portati in salvo fuori dal tunnel dal coraggioso autista dotato di grande sangue freddo e altruismo, che gli hanno permesso di compiere una vera prodezza.

Nel frattempo, sul posto si sono precipitate cinque squadre dei Pompieri di Lecco e Bellano, gli uomini del 118, i sanitari sull'auto infermieristica, i volontari del Soccorso Mandellese e quelli di Bellano. Vista la situazione che si è subito disegnata tragica agli occhi di tutti, la centrale operativa dell'Agenzia Regionale di Emergenza e Urgenza ha dirottato a Varenna anche l'eliambulanza decollata dall'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Le fiamme che hanno imprigionato l'autobus sono state prontamente spente grazie al grande impegno dei pompieri che, con il giusto addestramento e le attrezzature, sono riusciti ad avere la meglio sul fuoco e a mettere in sicurezza la zona nonostante le condizioni proibitive.

La premiazione in Regione

Il grande impegno e coraggio dimostrato da Mascetti e Lo Dato è stato poi premiato dalla Regione Lombardia lo scorso 28 luglio a Palazzo Pirelli, nell'Aula del Parlamento lombardo. Il Consiglio regionale ha accolto i due eroi e ha voluto consegnare loro un premio "per il coraggio e l'alto segno civico mostrato in quella occasione". Presente, ovviamente, anche il governatore Fontana e il presidente Alessandro Fermi, che hanno consegnato medaglie e pergamene, ringraziando i soccorritori.

“Mascetti e Lo Dato – ha sottolineato il Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana - sono fedeli interpreti dello spirito lombardo: poche parole e molti fatti. Hanno anteposto al proprio interesse la vita degli altri e hanno affrontato la difficoltà e la paura con il coraggio che caratterizza il popolo di Lombardia che non si spaventa e ha a cuore la vita altrui.  Ancora una volta il popolo lombardo dimostra di cosa è capace".

Necrologie