Attualità
L'investimento

In arrivo un milione di euro da Regione per riqualificare la Riserva Naturale "Lago di Piano"

Il costo complessivo dell'intervento è 1.200.000 euro, 1 milione dei quali da Regione Lombardia, 180.000 euro dal comune di Carlazzo e 20.000 euro dal comune di Bene Lario.

In arrivo un milione di euro da Regione per riqualificare la Riserva Naturale "Lago di Piano"
Attualità Lago, 17 Ottobre 2022 ore 14:55

La Giunta regionale ha approvato il provvedimento che prevede l'Accordo Locale Semplificato per il potenziamento delle infrastrutture turistiche destinate a valorizzare la Riserva Naturale Regionale "Lago di Piano".

In arrivo un milione di euro da Regione per riqualificare la Riserva Naturale "Lago di Piano"

Istituita da Regione Lombardia come Riserva Naturale Parziale nel 1984, e affidata in gestione alla Comunità Montana Alpi Lepontine di Porlezza, la zona del Lago di Piano è un prezioso biotopo della Val Menaggio. Una realtà ricca di habitat naturali diversificati e di testimonianze antropiche del passato, tra cui gli Antichi Mulini di Bene Lario e il Castel S. Pietro di Carlazzo, borgo rurale di epoca medievale.

"Sono previsti - ha spiegato l'assessore agli Enti locali e alla Programmazione negoziata, Massimo Sertori - cinque interventi di riqualificazione e potenziamento dei percorsi e della sentieristica e la realizzazione di un parcheggio, per migliorare l'accessibilità dei luoghi".

Il costo complessivo dell'intervento è di un milione e 200mila euro, un milione dei quali da Regione Lombardia, 180mila euro dal comune di Carlazzo e 20mila euro dal comune di Bene Lario.

"Regione Lombardia - ha aggiunto Sertori - continua ad investire risorse importanti per rilanciare e valorizzare le potenzialità di tutto il territorio lombardo e lo fa anche attraverso gli strumenti e le risorse a disposizione con la programmazione negoziata regionale".

In questo caso l'area di intervento è in prossimità della pista ciclabile Menaggio - Porlezza, di collegamento tra il lago di Como ed il lago di Lugano, realizzata parzialmente sul tracciato della vecchia ferrovia dismessa nel 1984.

"Gli interventi che andremo a finanziare - ha concluso Sertori - favoriranno, di fatto, l'accessibilità locale e renderanno quest'area più attrattiva, anche dal punto di vista turistico, proponendo, in linea con le recenti politiche regionali la promozione di un turismo sostenibile e rispettoso dei valori ambientali di questa regione".

Seguici sui nostri canali
Necrologie