Attualità
Lake Como Bike Fest

Lake Como Bike Fest: a Palazzo Gallio un successo di pubblico

Le istituzioni riunite a Gravedona ed Uniti negli stati generali del cicloturismo. Sul lago 1000 km di piste e 15 milioni di investimenti in 5 anni. Nasce il tavolo programmatico del ciclo-turismo.

Lake Como Bike Fest: a Palazzo Gallio un successo di pubblico
Attualità Como città, 16 Ottobre 2022 ore 18:00

Lake Como Bike Fest: sono oltre 600 i visitatori che ieri, sabato 15 ottobre 2022, hanno ammirato velocipedi storici e gli ultimi modelli di 13 espositori di mountain bike ed ebike a Palazzo Gallio di Gravedona ed Uniti, location d’onore della prima edizione dell'iniziativa.

Lake Como Bike Fest: a Palazzo Gallio un successo di pubblico

L’intera iniziativa è stata promossa nell’ambito del progetto “Pedala… sei sul lago di Como” finanziato dal bando di Regione “Ogni giorno in Lombardia” e realizzato da Camera di Commercio Como-Lecco con il supporto operativo di Lariofiere e la collaborazione della Comunità Montana Valli del Lario e del Ceresio. Complice una splendida giornata autunnale, in molti, anche turisti stranieri, hanno visitato le stanze del piano nobile del palazzo seicentesco ammirando i cimeli del museo del Ghisallo e le novità d’eccellenza dei costruttori locali. Le strade di Dongo e Gravedona al mattino sono state invase da una trentina di velocipedi tra ‘800 e anni ’30 montati da collezionisti abbigliati con abiti coevi e provenienti da più parti d’Italia con pezzi originali perfettamente conservati. Nel pomeriggio si sono poi tenute le premiazioni del primo CONCORSO DI ELEGANZA. Una prima assoluta per il lago di Como di una manifestazione che ha un forte richiamo in tutta Italia. “Possiamo dire senza paura di smentita che è stato un grande successo – commenta Fabio Dadati, presidente di Lariofiere – E’ stata una sfida vinta per il periodo scelto a fine stagione turistica e per l’interesse che ha destato a riprova che è tutto il lago, anche quello forse meno noto, ad avere un grande potenziale di attrattività turistica e non solo nel periodo estivo”.

MILLE CHILOMETRI DI PISTE CICLABILI E OLTRE 15 MILIONI DI INVESTIMENTI

La stagione estiva – ha spiegato Giuseppe Rasella, delegato di giunta camerale per turismo e cultura – ha segnato rispetto al 2019 per la provincia di Como un sorprendente + 5% di presenze e per quella di Lecco addirittura un + 9% (ultimi dati Polis- Regione Lombardia). Rasella in mattinata ha coordinato i lavori del work shop sugli stati generali del ciclo-turismo per le province di Como e Lecco. Ad aprire i lavori il presidente del Consiglio Regionale, Alessandro Fermi davanti a tecnici e amministratori impegnati in progetti di sviluppo turistico legati proprio al tema bicicletta. “Regione Lombardia è al fianco dei territori che sanno fare sistema – ha detto il presidente Fermi – chi ha fatto buona programmazione deve ora saper fare squadra per candidarsi agli importanti finanziamenti che saranno disponibili a primavera”. Scopo del work shop è stato proprio conoscere i progetti di ciclo-turismo sui singoli comprensori e costruire una ipotesi di strategia di sistema che introduca sinergie ed economie di scala per la promozione e valorizzazione di un grande comprensorio ciclo-pedonale tra lago, monti e colline. Intorno al tavolo si sono trovati il Consorzio turistico della Valtellina che ha raccontato il successo del “sentiero Valtellina” che si snoda da Colico a Bormio e dove il numero di ciclisti estivi ha superato quello degli sciatori invernali. Per l’alto lago erano presenti i presidenti delle Comunità montane Valli del Lario e del Ceresio e Valsassina, Valvarrone, Val d’Esino e Riviera che hanno illustrato la Strategia delle aree interne. Al tavolo anche il Consorzio del Bacino Imbrifero Montano del lago di Como, Brembo e Serio con il progetto “Bike grand tour del lago di Como” e il Lago di Como GAL con il progetto “Oltrelario: itinerari lenti tra i monti". Presente anche il comune di LECCO con i progetti “Lecco ama la montagna” e “Resinelli outdoor experience” e l’Autorità di bacino del lago del Ceresio con l’itinerario ciclabile da Menaggio a Porlezza. Non è mancata la Valle Intelvi rappresentata dal Comune di Centro Valle e dalla Comunità Montana Lario Intelvese. Sindaci e presidenti, coadiuvati dai tecnici, hanno illustrato iniziative e investimenti. Un valore aggiunto di oltre 15 milioni di euro spesi negli ultimi 5 anni per la costruzione di nuovi itinerari, il ripristino di vecchi e la promozione turistica.

NASCE IL TAVOLO PROGRAMMATICO DEL CICLO-TURISMO

“Esiste un patrimonio dall’enorme potenziale – ha sottolineato Giuseppe Rasella – che va ora messo a sistema per promuovere il lago di Como come unico grande comprensorio ciclistico”. Oltre mille sono infatti i chilometri di piste ciclabili attive tra lago e Brianza per oltre 60 itinerari promossi per un settore in continuo sviluppo spinto dalla nascita di molte attività dell’indotto del cicloturismo. I rappresentanti istituzionali presenti hanno deciso di attivare un tavolo di lavoro per studiare sinergie e strategie di sviluppo comuni al lo scopo di costruire in partenariato per rafforzare le future progettazioni. “Perché insieme si vince”, ha concluso i lavori del work shop il presidente Mauro Robba.

Seguici sui nostri canali
Necrologie