Attualità
Solidarietà

Mozzate, una medaglia per le giubbe gialle in prima fila nella pandemia

L'iniziativa è stata voluta dai Comuni di Mozzate, Limido, Cirimido e Lurago Marinone.

Mozzate, una medaglia per le giubbe gialle in prima fila nella pandemia
Attualità Bassa Comasca, 26 Dicembre 2021 ore 08:53

Mozzate, nel periodo più buio della pandemia, quando tutti eravamo costretti a rimanere a casa, gli ospedali non riuscivano più a reggere la pressione per i troppi ricoveri e i bollettini dei deceduti per Covid riportavano numeri tragici, i volontari della Protezione civile non si sono mai arresi e, mettendo anche a rischio la loro salute, sono sempre stati in prima fila per aiutare i loro concittadini, soprattutto quelli in difficoltà.

Mozzate, una medaglia per le giubbe gialle in prima fila nella pandemia

Le Amministrazioni comunali di Mozzate, Cirimido, Limido e Lurago Marinone hanno deciso di premiare con una medaglia nominale tutte le «giubbe gialle» del servizio associato di Protezione civile dei quattro Comuni. La cerimonia di premiazione è avvenuta in piazza Cornaggia, all’esterno della sede operativa. «Abbiamo voluto dimostrare con un segno concreto la nostra stima e riconoscenza per il servizio prezioso portato avanti dai volontari della Protezione civile, specialmente nel periodo pandemico quando hanno consegnato i pasti e i farmici a domicilio ai cittadini fragili o alle persone in quarantena, hanno gestito l’afflusso dei clienti nei supermercati per evitare assembramenti e hanno dotato di bombole di ossigeno i pazienti Covid con particolari criticità», rivela il sindaco Luigi Monza, a nome dei colleghi, aggiungendo: «La Protezione civile, a livello locale, regionale e nazionale, garantisce un servizio fondamentale e costituzionalmente riconosciuto. E’ giusto quindi riconoscere il valore di ciascun volontario, perché il loro servizio è una missione che non è da tutti e non va data per scontato». I circa trenta volontari, guidati da Luca Cozzi, hanno ricevuto la medaglia tra la commozione, poi si sono goduti l’aperitivo. Il venerdì precedente si sono invece ritrovati per una cena in allegria.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie