Attualità
No alla violenza

Presentata la "Settimana del Rispetto", un'iniziativa contro la violenza sulle donne

Un’iniziativa che nasce in occasione del 25 novembre, giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, e vuole sensibilizzare la cittadinanza e le istituzioni rispetto al tema della violenza

Presentata la "Settimana del Rispetto", un'iniziativa contro la violenza sulle donne
Orsenigo Pubblicazione:

Ieri mattina, mercoledì 15 novembre, alle 10.30 nella Sala Civica del Comune di Orsenigo si è svolta la conferenza stampa di presentazione del progetto “La Settimana del Rispetto”, promossa dall’associazione Fermiamoci di Anzano del Parco, in collaborazione con l’associazione giovanile Lo Snodo con sede in stazione ad Erba, Familiarmente Noi di Albavilla e Associazione Penta di Mariano Comense. L’iniziativa è inoltre patrocinata da 14 Amministrazioni Comunali e vede il coinvolgimento di quasi 20 realtà del territorio.

L'iniziativa

La Settimana del Rispetto è un’iniziativa che nasce in occasione del 25 novembre, giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, e vuole sensibilizzare la cittadinanza e le istituzioni rispetto al tema della violenza. Prevede un insieme di eventi che verranno realizzati da lunedì 20 a domenica 26 novembre.

A seguito dei saluti istituzionali del sindaco di Orsenigo Maddalena Pinti che ha ospitato la presentazione del progetto, la parola è passata a Elena Mauri, presidente dell’Associazione Fermiamoci.

“Abbiamo scelto il termine “rispetto” – dice Mauri – perché è un concetto che sta alla base della lotta alla violenza di genere: rispetto per la diversità, per la fragilità, per le mancanze e carenze delle altre persone, rispetto per le idee e i comportamenti che non sono conformi ai canoni della società civile. È solo rispettando una donna che posso accettare che lei dica di no e che possa essere libera di esprimere un pensiero liberamente e diverso dal mio. Ringrazio tutte le realtà che hanno aderito al progetto, perché insieme dimostriamo che è possibile dire “NO” alla violenza contro le donne”.

Elena Mauri, inoltre, ha sottolineato l’importanza della presenza dei giovani e dell’associazione Lo Snodo in questo progetto, “che hanno la sensibilità e maturità necessaria per capire l’importanza di un tema come quello della violenza sulle donne e hanno scelto di essere qui con noi e di partecipare attivamente al progetto.”

Il commento di Simone Pelucchi

In rappresentazione dei giovani è intervenuto il presidente dell’associazione Lo Snodo Simone Pelucchi.

“Ringraziamo Elena Mauri e Fermiamoci che ci ha coinvolto fin dall’inizio dell’organizzazione di questo progetto – dice Pelucchi – Da ormai un anno realizziamo periodicamente, in collaborazione con Fermiamoci, iniziative volte a sensibilizzare la fascia giovanile (e non solo) riguardo il tema della violenza contro le donne e di genere. Questo progetto prosegue nella direzione già intrapresa: fare squadra per dire “NO” alla violenza di genere e alla violenza contro le donne”.

Gli altri interventi

“La mia associazione – dice Ilia Benedetti, presidente di Familiarmente Noi – è da ormai quattro anni che opera con il suo sportello V.I.T.A. sul territorio del comune di Albavilla, in ambito di prevenzione e assistenza alle donne vittime di violenza. Con Fermiamoci ci poniamo l’obiettivo di portare l’attenzione del territorio sulla necessità di svolgere funzione di sensibilizzazione, conoscenza e tutela in modo congiunto e sinergico sul fenomeno della violenza di genere.”

"Aderiamo anche noi – dice Rosaria Battaglia dell’Associazione Penta di Mariano Comense – proponendo i nostri eventi per trattare il dramma della violenza di genere che ormai reputiamo essere un’emergenza sociale. Sono ormai dieci anni che operiamo su questo tema, anche con le scuole, e vogliamo lasciare impronte importanti per la vita della persona.”

A seguito delle realtà associative, sono intervenuti alcuni Amministratori.

“Credo – dice Giuliana Castelnuovo, sindaco di Albavilla – che il rispetto sia un aspetto fondamentale della formazione e dell'educazione dei bambini e dei ragazzi: abbiamo l'obbligo morale di impegnarci a educare le future generazioni al rispetto per tutto e per ciascuno.”

“L'Amministrazione Comunale di Lambrugo – dice Ennio Della Francesca, consigliere comunale – ritiene che il parlare apertamente del tema possa portare a una maggiore forza e consapevolezza alle donne che vivono questo dramma e nutriamo la speranza che negli uomini, attori o testimoni, si accenda una nuova luce.”

Per Fabio Chiavenna, consigliere comunale di Orsenigo, la Settimana del Rispetto “è un ricco programma di eventi che, assumendo una dimensione extra territoriale, ha raggiunto un livello ancora più alto nella ferma condanna di ogni genere di violenza o costrizione fisica o verbale”.

Erano inoltre presenti Alessandra Scanziani, vicesindaco di Alserio e Nicoletta Casartelli, vicesindaco di Albese con Cassano; Elena Longoni del negozio Lorella di Mariano Comense e Mara Piras del Comitato Genitori del Carlo Porta.

Seguici sui nostri canali