L'evento

Pride a Como dopo 22 anni. Gli organizzatori: "Realtà chiusa e bigotta, facciamo sentire la nostra voce senza paura"

L'appuntamento è fissato per il 2 luglio.

Pride a Como dopo 22 anni. Gli organizzatori: "Realtà chiusa e bigotta, facciamo sentire la nostra voce senza paura"
Attualità Como città, 24 Giugno 2021 ore 10:32

Dopo ventidue anni dall’ultimo evento, torna il Como Pride. Un gruppo di studenti e lavoratori, ha deciso di portare in piazza il pride con un approccio indipendente da ogni tipo di azienda, basato su rivendicazioni sia nazionali che locali. "Il pride non è solo una grande festa, ma anche un momento di lotta per tutte quelle persone che non hanno visibilità nè libertà nel poter essere ciò che vogliono".

Pride a Como dopo 22 anni. Gli organizzatori: "Realtà chiusa e bigotta, facciamo sentire la nostra voce senza paura"

L'appuntamento è fissato per venerdì 2 luglio, alle 15, al Tempio Voltiano.

"La comunità comasca LGBTQ+ si rivolge quindi al comune di Como e al sindaco Landriscina, e chiede che il sindaco di Como si esprima pubblicamente prendendo posizione contro le discriminazioni omobitransfobiche. L’affissione di una bandiera lgbtq+ e transgender sulle sedi del potere, partendo dal comune di Como. La nascita di una rete pubblica locale sanitaria di supporto per persone della comunità che si occupi di: Creare una rete di sostegno telefonico per persone transgender e vittime di omobitransfobia. Istituire consultori gratuiti e agevolati per tuttǝ e fornire test gratuiti per il controllo dell’HIV e altre MST. La costruzione di installazioni per un'architettura urbana transfemminista capace di prevenire crimini e violenze. L'istituzione di una consulta capace di monitorare e prevenire ogni tipo di violenza. Investimenti e patrocini su eventi di sensibilizzazione locale e nelle scuole per parlare di violenza omobitransfobica e di liberazione sessuale consensuale da ogni punto di vista".

Una delle presentatrici dell’evento, Miss Gender, spiega: “Abbiamo deciso di portare il Pride a Como per dimostrare come la comunità LGBTQ+ sia presente nonostante la realtà chiusa e bigotta, e per far sentire la nostra voce alla città di Como senza paura, portando in piazza le nostre rivendicazioni. Vi aspettiamo!".

Necrologie