Attualità
i video

Un impianto self service per le mucche da latte a Bregnano

"Ciascuna mucca ha uno speciale apparecchio sul collo. Entra nell’impianto attirata dal profumo di un particolare pellet di cui è moto ghiotta. Il robot registra se può essere munta o meno. In caso positivo procede e alla fine della mungitura le dà del pellet come ricompensa”.

Attualità Canturino, 11 Novembre 2022 ore 20:00

Un impianto self service per le mucche da latte. Per dirlo in altri termini, si tratta di un macchinario di ultima generazione che capisce quando le mucche devono essere munte. Questo sta a significare minor fatica per gli agricoltori e minor stress per quelle che in gergo tecnico di chiamano vacche da latte. Al tempo stesso c’è anche una maggiore produzione di latte e una maggiore igiene.

I video del macchinario di ultima generazione

Un impianto self service per le mucche da latte a Bregnano

L’azienda Baù, gestita a livello familiare, da mesi è dotata di ben due "robot per la mungitura": realizzati in Svezia, sono distribuiti da concessionario italiano. In Italia sono già in uso in diverse aziende agricole. Nel comasco l’azienda Baù è unica delle poche ad utilizzarli.

Giovedì ha aperto le porte per mostrare l’uso di questo nuovo strumento e i  vantaggi che ne possono derivare. Nata anni fa dalla mamma, ora è gestita dai fratelli Michele e Mauro e dalla figlia di quest’ultimo, Deborah. Nei periodi di maggior lavoro vengono aiutati da due dipendenti.

"Prima la mungitura avveniva la mattina e la sera», spiega Deborah. Trent’anni e agronoma di professione, lavora in un’azienda di settore, mentre nel fine settimana collabora con l’attività di famiglia. La fattoria Baù ha all’incirca 250 mucche. Sono circa 110 quelle che possono essere munte dal robot, che funziona 24 ore al giorno e 365 giorni all’anno.

"Ciascuna mucca ha uno speciale apparecchio sul collo – prosegue la giovane – Entra nell’impianto attirata dal profumo di un particolare pellet di cui è moto ghiotta. Il robot registra se può essere munta o meno. In caso positivo procede e alla fine della mungitura le dà del pellet come “ricompensa”. Se invece non è da mungere apre il cancello e la fa uscire".

Le mucche in tutta tranquillità possono entrare quando lo ritengono più opportuno e non hanno tempi d’attesa.

"In questo modo non si stressano  – prosegue la giovane –  Di media una mucca può essere munta quattro volte al giorno. Non è necessario che gli agricoltori siano presenti. E’ tutto automatico. C’è una maggior produzione del latte ma è anche tutto più igienico".

Una grande novità che va di pari passo con una App che i fratelli Baù hanno sul cellulare e che indica quando la mucca può essere fecondata.

Seguici sui nostri canali
Necrologie