Attualità
Campagna educativa

Una vita da social gli studenti canturini a lezione di legalità con la Polizia di Stato

Campagna educativa rivolta agli studenti di medie e superiori.

Una vita da social gli studenti canturini a lezione di legalità con la Polizia di Stato
Attualità Canturino, 15 Febbraio 2022 ore 11:59

Nella mattinata di oggi, martedì 15 febbraio 2022, in piazza Garibaldi a Cantù si è svolta la IX^ edizione di "Una vita da social", campagna educativa della Polizia di Stato rivolta agli studenti di medie e superiori.

Una vita da social gli studenti canturini a lezione di legalità con la Polizia di Stato

In piazza è stato allestito un truck all'interno del quale gli studenti della scuola secondaria di primo grado Tibaldi, dell'istituto Santa Maria di Cantù e del liceo linguistico statale Fausto Melotti, hanno seguito una lezione tenuta dalla Polizia di Stato sui temi dei social network e del cyberbullismo. Presenti anche i mezzi della Polizia di Frontiera, della Stradale, l'unità cinofila e la Scientifica con l'allestimento di una scena del crimine.

Molteni: "Una grande iniziativa"

Soddisfatto il sottosegretario all'Interno Nicola Molteni.

"Oggi a Cantù, nella piazza principale della città è arrivato il truck della Polizia di Stato, allestito con un’aula didattica multimediale, per la IX edizione della campagna educativa 'Una vita da social'. Dopo la rilevante adesione nel 2019, anche per questa edizione si sta registrando una grande presenza di studenti, scolaresche e genitori. Questa è di fatto la più importante e imponente campagna informativa itinerante della Polizia Postale per sensibilizzare i giovani, gli studenti, gli adolescenti, gli insegnanti e i genitori sui rischi e sui pericoli della rete, del web e dei social network. La Polizia di Stato scende ancora una volta in campo accanto ai ragazzi e alle famiglie per fare in modo che il dilagante fenomeno del cyberbullismo e di tutte le varie forme di prevaricazione e di violenza connesse a un uso distorto delle tecnologie non faccia più vittime. Una grande iniziativa che ha coinvolto sino ad oggi complessivamente 2 milioni e mezzo di studenti sia nelle piazze che nelle scuole, 220 mila genitori, 125 mila insegnanti, oltre 18500 istituti scolastici e 350 città. Ringrazio tutte le istituzioni locali presenti, tra le quali l’amministrazione comunale di Cantù, che hanno sostenuto e valorizzato questa iniziativa, il Prefetto di Como, il Questore e tutte le forze dell’ordine e le scuole oggi intervenute".

I dettagli del servizio sul Giornale di Cantù in edicola da sabato 19 febbraio 2022

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie