Attualità
il compendio

Villa del Grumello, restaurata anche la storica portineria: domenica grande festa di inizio stagione

Il recupero è stato possibile grazie al co-finanziamento di Fondazione Cariplo, con la partecipazione al bando Beni Aperti.

Villa del Grumello, restaurata anche la storica portineria: domenica grande festa di inizio stagione
Attualità Como città, 27 Maggio 2022 ore 12:28

Grande festa domenica 29 maggio a Villa del Grumello a Como, organizzata dall'omonima associazione a conclusione dei lavori di riqualificazione del compendio che affaccia su via per Cernobbio con l’ultimo intervento sulla portineria, riqualificata come HUB e dedicata alle sue attività nell’ambito del Chilometro della Conoscenza.

Villa del Grumello, restaurata anche la storica portineria

La riqualificazione del Grumello è un percorso avviato nel 2005, dopo anni di abbandono, grazie all'imprenditore alberghiero Paolo De Santis, allora Presidente della Camera di Commercio di Como e attuale Presidente dell’Associazione Villa del Grumello, condivisi con la proprietà (oggi ASST Lariana) e con gli Enti di riferimento. Un percorso di recupero, valorizzazione e arricchimento dei contenuti di un luogo di grande pregio storico architettonico e naturalistico paesaggistico, collocato nel primo bacino del lago, restituito così alla città di Como.

Il compendio si colloca come cuore del progetto di rigenerazione urbana e culturale conosciuto come Chilometro della Conoscenza, che coinvolge in continuità tre Ville storiche coi rispettivi parchi botanici e le connesse attività: Villa Olmo, Villa del Grumello e Villa Sucota, gestite rispettivamente da un Ente pubblico - il Comune di Como - e da due realtà private dalla vocazione pubblica, Associazione Villa
del Grumello e Fondazione Antonio Ratti (FAR).

Dal 2006 Associazione Villa del Grumello si prende cura del luogo seguendone i progetti, i lavori di restauro e di recupero con riuso funzionale degli edifici storici - Villa, ex Scuderie, Serre, Cappella Celesia, Darsena e Portineria - oltre che di sistemazione e progressivo arricchimento botanico del Parco. Nel contempo avvia la gestione generale occupandosi delle attività e arricchendo di anno in anno le
proposte culturali, ricreative e formative.

Luca Levrini, Chiara Bignami, Enrico Lironi, Paolo De Santis, Marco Galimberti

Ultimo edificio ad essere restaurato e rifunzionalizzato nel 2021 è la Portineria, posta all’ingresso principale della tenuta in fregio alla via per Cernobbio. Spazio marginale ora nuova centralità come Hub, cerniera tra il Grumello/KMC e la dorsale del lungolago dal centro di Como sino a Cernobbio, lo spazio diviene crocevia di soggetti, idee e progetti e stimola connessioni e prossimità strategiche per lo sviluppo di iniziative condivise a favore del territorio. L’Hub nasce per l’Associazione come luogo di scambi immateriali e di pratiche transdisciplinari in particolare sui temi del paesaggio, della botanica, della sostenibilità ambientale, della mobilità dolce, della qualità della vita. Vuole essere luogo inclusivo e accogliente, di informazione, approfondimento, creatività, partecipazione, che si apre alla città e ai turisti con iniziative
culturali e formative. Il recupero con riuso funzionale della Portineria del Grumello come HUB – ultimo intervento di riqualificazione tra gli edifici storici del Grumello, nel 2021 – è stato possibile grazie al co-finanziamento di Fondazione Cariplo, con la partecipazione al bando Beni Aperti.

"La cosa più bella che siamo riusciti a fare quest'anno, anche come messaggio di uscita dal periodo pandemico, è aprire stabilmente il parco. Fino all'anno scorso veniva aperto da prima di Pasqua all'inizio di novembre tutte le domeniche e per tutto il mese di agosto. Adesso invece è aperto tutti i giorni" ha spiegato l'imprenditore Paolo De Santis, presidente dell'Associazione Villa del Grumello.

"Questo luogo che abbiamo ristrutturato e ridato alla città sarà il punto di partenza della giornata e di ogni attività - spiega Chiara Bignami, responsabile progetti, eventi culturali e comunicazione dell'associazione - Il tema della giornata, oltre alla bellezza, sarà la trasformazione che segue il percorso di riqualificazione ma anche che trasforma le persone che lo vivono, insieme a quello degli intrecci. I temi sono assaggi di quello che facciamo durante l'anno: dal benessere e la qualità della vita con le discipline olistiche e lo yoga al cibo biologico e di filiera corta, la musica e in particolare al jazz con professionisti e giovani emergenti, ci sarà la danza con i professionisti ma anche con gli alunni delle scuole del territorio. Sarà un evento che anticipa una serie di appuntamenti nel mese di giugno".

IL PROGRAMMA DI DOMENICA 29 MAGGIO

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie