Menu
Cerca
Nuovo servizio

A Tavernola la prima Ecoisola sperimentale

Sarà a disposizione di chiunque ha la tessera sanitaria.

A Tavernola la prima Ecoisola sperimentale
Cronaca Como città, 09 Giugno 2021 ore 16:32

A Tavernola è arrivata la prima Ecoisola sperimentale che é stata installata da Aprica.

A Tavernola la prima Ecoisola sperimentale

Il servizio é stato presentato oggi, mercoledì 9 giugno 2022, dall’amministratore delegato di Aprica Filippo Agazzi e dall’assessore all’Ambiente del Comune di Como Marco Galli. L’ecoisola ha cinque sportelli per la raccolta differenziata di carta e cartone, plastica, vetro, metallo e rifiuti indifferenziati. Si tratta di una soluzione integrativa al servizio di raccolta porta a porta che permette di poter conferire in qualsiasi ora e giorno della settimana le diverse tipologie di rifiuti. Per utilizzare l’ecoisola è necessario avere con sé la Carta Regionale dei Servizi.

"Era da un po' che si cercava di capire come portare qualcosa di innovativo. É molto semplice da utilizzare, tramite la tessera sanitaria. Lo abbiamo messo qui perché ci sembrava un punto di connessione, ci sono un parcheggio e un supermercato vicini ma anche l'imbarcadero" ha spiegato Galli.

"Ci permette di differenziare in un punto ad alta frequentazione. Anche il turista ha questa possibilità ma é un servizio in più anche per i cittadini che non devono attendere per forza la raccolta a domicilio. Quando raggiunge il limite, verrà mandato un alert ad Aprica e l'operatore provvederà a svuotarlo. C é anche un sistema di igienizzazione all'interno dei cassoni" ha spiegato Agazzi.

"Per la parte estetica abbiamo scelto una facciata molto semplice ma in altri luoghi potrebbe essere diversa, si può customizzare a piacere" ha aggiunto Galli.

"Lo stiamo valutando soprattutto per la presenza delle case vacanze, é un'ottima idea da sperimentare" ha commentato Mario Della Torre, assessore all'Ecologia a Cernobbio.

"Se funzionerà potremo portarla in altri punti nevralgici della città e nei quartieri. Partiamo da questa sperimentazione" ha concluso Galli.

Necrologie