Cronaca

Aggressione in piazza Garibaldi: lo minacciano col coltello per avere le sigarette

Due giovnissimi sono stati dichiarati in arresto per il reato di rapina e per il porto del coltello.

Aggressione in piazza Garibaldi: lo minacciano col coltello per avere le sigarette
Cronaca Canturino, 26 Luglio 2018 ore 14:20

Aggressione in piazza Garibaldi: lo minacciano col coltello per avere le sigarette. E' successo intorno alle 3 di questa mattina, giovedì 25 luglio.

Aggressione in piazza Garibaldi: lo minacciano col coltello per avere le sigarette

I Carabininieri di Cantù sono intervenuti in via Madonna su richiesta di un giovane che raccontava di essere stato minacciato con un coltello da due nordafricani. I due ragazzi avrebbero avvicinato la vittima in piazza Garibaldi chiedendo di avere delle sigarette. Nel momento in cui l'uomo non ha accolto la richiesta, i due avrebbero quindi iniziato ad insultarlo. Il malcapitato, per sfugire alle provocazioni, ha cercato di avviarsi verso la sua macchina parcheggiata in via Madonna.. I due però lo avrebbero seguito. Poco dopo, uno di loro, spalleggiato dall'amico, avrebbe addirittura estratto dallo zaino un coltello, putandolo all'addome della vittima, costretta quindi ad esaudire la richiesta dei malviventi.

Scoperti e dichiarati in arresto

Grazie alle precise descrizioni degli aggressori fornite dalla vittima i militari hanno compreso immediatamente l'identità dei personaggi che avevano compiuto il reato. Con la collaborazione della Polizia Locale di Cantù, i Carabinieri hanno rintracciato i due nell’abitazione di uno di loro. Lì è stato trovato il coltello corrispondente alle descrizioni fatte dalla vittima e i due giovani, messi alle strette, hanno ammesso le loro responsabilità. Sono stati dichiarati in arresto per il reato di rapina e per il porto del coltello. Sono di origine marocchina naturalizzati in Italia (entrambi sono cittadini italiani) uno dei quali, quello che avrebbe puntato il coltello, ancora minorenne. M.Z., di anni 17, di Cantù, è stato quindi accompagnato al centro di Prima Accoglienza C. Beccaria di Milano, mentre T.M., di anni 18, di Vertemate con Minoprio, è stato condotto alla Casa Circondariale del Bassone.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU

Necrologie