Cronaca
i controlli

Arrestati due ladri a Como

Un malvivente ha cercato di rubare al supermercato, un altro di intrufolarsi in una casa.

Arrestati due ladri a Como
Cronaca Como città, 18 Marzo 2020 ore 17:06

Continua incessante l’attività di controllo del territorio svolta dalle Volanti della Questura di Como, che nella giornata di ieri, e nella nottata odierna, in due distinte operazioni hanno arrestato due cittadini extracomunitari entrambi per il reato di furto aggravato.

Ruba alcol al supermercato

Intorno alle 17, su richiesta degli addetti alla vigilanza, una volante è intervenuta in Piazza Fisac, in un'attività commerciale, dove B.B., classe 1999, cittadino senegalese, richiedente asilo, con numerosi precedenti specifici in
materia di reati contro il patrimonio, si era impossessato di beni di consumo e di bevande alcoliche per un importo di circa 150 euro, ed aveva cercato di guadagnare l’uscita dal supermercato senza pagare quanto sottratto. Il personale della volante procedeva al controllo del senegalese che all’interno del proprio giubbotto aveva la refurtiva sottratta poco prima e lo accompagnava negli Uffici della Questura dove si procedeva al suo arresto ed al trattenimento del medesimo presso le Camere di Sicurezza. Il direttissimo è stato celebrato nella giornata odierna e si è concluso con la convalida dell’arresto, il differimento del processo all’udienza del 4 novembre 2020, su richiesta del difensore dell’arrestato e la rimessione in libertà del medesimo.

Cerca di entrare in una casa, beccato

Alle 4 gli agenti sono stati chiamati in vicolo Duomo dove era stata notata una persona che cercava di accedere all’ingresso di un’abitazione. Il personale prontamente arrivato sul posto ha notato una serie di oggetti utilizzati dal malvivente per arrampicarsi e ha sentito dei rumori provenienti dall’interno del cortile dell’abitazione attenzionata. I poliziotti, una volta entrati in un magazzino di pertinenza di un’attività, hanno riscontrato la presenza di un uomo che cercava invano di nascondersi alla loro vista. L’uomo è stato bloccato ed accompagnato presso gli Uffici della Questura, dove veniva identificato per D.E., classe 1980, cittadino bosniaco, irregolare sul territorio dello Stato, con numerosi alias e precedenti specifici.

Dopo le formalità di rito l’uomo è stato tratto in arresto ed anch’egli trattenuto presso le Camere di Sicurezza della Questura, ed all’esito del giudizio direttissimo il medesimo vedeva convalidato l’arresto, e disposta la misura cautelare del divieto di permanenza nella regione Lombardia. I cittadini della zona, hanno rivolto parole di plauso al personale delle volanti per la tempestività e la professionalità dimostrate in occasione di quest’ultimo intervento.

Necrologie