a como

Arrestato per per evasione, resistenza, lesioni, oltraggio e danneggiamento

Prima il litigio in viale Puecher, poi l'intervento delle Forze dell'ordine.

Arrestato per per evasione, resistenza, lesioni, oltraggio e danneggiamento
Como città, 17 Settembre 2020 ore 20:17

In nottata alle ore 00.30 circa, personale delle volanti della Questura, è arrivato in viale Puecher, dove è stata segnalata una persona violenta.

Arrestato per per evasione, resistenza, lesioni, oltraggio e danneggiamento

Sul posto l’attenzione degli operatori, è stata attirata da numerose persone che richiedevano l’intervento della Polizia, in quanto due uomini stavano litigando ed uno dei due veniva indicato come persona violenta. L’attenzione degli operatori si è concentrata su quest’ultima persona, alla quale veniva richiesto di esibire i documenti di identificazione, ma per tutta risposta l’uomo diceva di esserne sprovvisto e cercava di aggredire i poliziotti con pugni e calci, rivolgendo al loro indirizzo frasi oltraggiose ed offensive. Dopo non poche resistenze l’uomo è stato bloccato ed accompagnato negli uffici della Questura. Lì è stato identificato per S.G., cittadino italiano, classe 1982, residente a Solaro, con precedenti in materia di reati contro il patrimonio e la persona, sottoposto in regime di detenzione domiciliare dal 21 gennaio 2020, per i reati di lesioni, ricettazione e riciclaggio.

Durante la permanenza negli uffici di Polizia, l’uomo ha proseguito con il suo atteggiamento, aggressivo, offensivo ed oltraggioso ed in considerazione della flagranza di reato, il medesimo è stato tratto in arresto per i reati di evasione, resistenza, oltraggio, lesioni a pubblico ufficiale e per avere danneggiato una volante durante il suo accompagnamento in Questura. Due operatori di Polizia, ricorrevano alle cure dei sanitari e venivano giudicati guaribili in giorni 7 s.c..

L’uomo è stato trattenuto nelle camere di sicurezza in attesa del rito direttissimo che si è tenuto nel pomeriggio odierno, e si è concluso con la convalida dell’arresto e la condanna ad anni 3 e mesi 10 di reclusione con traduzione immediata nella Casa Circondariale di Como “al Bassone”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia