a cantù

Arrestato per spaccio un tunisino

E' successo ieri, martedì 22 settembre.

Arrestato per spaccio un tunisino
Canturino, 23 Settembre 2020 ore 18:05

Nella giornata di ieri, 22 settembre 2020, alle 16.50 in via Resegone, intersezione via Spluga, è scattato un controllo da parte del nucleo Radiomobile del Comando di Polizia Locale di Cantù.

Arrestato per spaccio un tunisino

Durante il servizio di pattugliamento, hanno notato una vettura, Seat, svoltare dalla via Spluga, alla cui guida il conducente faceva uso di un apparecchio radio telefonico. Dopo aver effettuato un’inversione di marcia gli agenti hanno seguito il veicolo fino ad un parcheggio in via Resegone adiacente al civico 16.  Inizialmente  sembrevano esserci solo due persone, complici i vetri oscurati, poi dal veicolo sono stati lanciati due involucri, segno della presenza di un secondo passeggero, per un totale di tre occupanti del veicolo, due marocchini ed un tunisino. Sul posto sono arrivate altre due pattuglie e l’unità cinofila per compiere un’ispezione del veicoli e dei terreni prospicenti la strada, rinvenendo una custodia di colore nero con all’interno un bilancino elettronico di precisione, oltre ad involucri contenenti sostanze che i test compiuti in Comando confermavano essere cocaina per un peso pari a 9,45 grammi, hashish per un peso pari 2.63, oltre a ulteriore 1,90 grammi oltre a euro 165,00 a carico S.O. tunisino di 30 anni che è stato tratto in arresto per il reato spaccio di sostanze stupefacenti e permanenza illegale sul territorio dello stato.

L’arrestato risultava essere già stato carcerato per i reati di rapina, danneggiamento e lesioni aggravate con e condannato alla pena di 2 anni e 2 mesi di reclusione, oltre all’inottemperanza all’invito di presentarsi in Questura per regolarizzare la propria posizione come sancito dal testo unico delle leggi di pubblica sicurezza. Processato per direttissima questa mattina, gli è stata comminata la misura cautelare personale di presentazione quotidiana alla polizia giudiziaria di sei mesi.
La posizione degli altri due individui è al vaglio degli inquirenti.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia