Auto bloccata sui binari poliziotto salva i passeggeri

E' successo alla stazione di Como Camerlata: soccorsi conducente e bambino.

Auto bloccata sui binari poliziotto salva i passeggeri
Como città, 08 Aprile 2018 ore 10:55

Auto bloccata sui binari poliziotto salva i passeggeri.

Auto bloccata sui binari: soccorsi conducente e bambino

Alle 17.50 di ieri, sabato, alla stazione di Como Camerlata un’auto Opel Zafira condotta da una giovane donna, cittadina albanese, classe 1984, con a bordo un bimbo di pochi mesi, nel transitare in via Scalabrini in direzione via Repubblica Romana si è trovata sulle rotaie nel momento in cui si stavano chiudendo le barriere.

Bloccata nel passaggio a livello

Invece di procedere velocemente nella direzione di marcia liberando lo spazio ferroviario, si è fermata. Ha quindi ingranato la retromarcia trovandosi bloccata dall’avvenuta chiusura delle sbarre retrostanti. Fermo davanti alle sbarre in macchina si trovava un funzionario della Polizia di Stato della Questura di Como, libero dal servizio. Immediatamente, comprendendo lo stato di pericolo, il poliziotto è entrato nello spazio ferroviario. E’ poi riuscito a posizionare la macchina in parallelo ai binari lasciando spazio idoneo al transito del treno.

L’allarme

Contestualmente ha avvisato la sala operativa della Questura per far rallentare il convoglio in arrivo. Quindi lo stesso funzionario ha provveduto a far scendere la donna e a prendere l’ovetto ove viaggiava un bimbo di pochi mesi, conducendoli fuori dalla zona di pericolo.

Incidente evitato

Sul posto sono quindi intervenuti nel giro di pochi minuti equipaggi della Squadra Volante e della Polizia Ferroviaria, specialità della Polizia di Stato avente competenza specifica. Il macchinista del treno di Trenord fermo alla stazione di Camerlata ha atteso che l’auto venisse portata fuori dal passaggio a livello. Infine Solo dopo il nuovo blocco stradale e la messa in sicurezza ha ripreso la marcia.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia