Cronaca

Condannato a cinque anni per tentato omicidio

Ha provato ad accoltellare l'ex compagna.

Condannato a cinque anni per tentato omicidio
Cronaca Olgiate, 06 Luglio 2018 ore 12:00

E' stato condannato a cinque anni Franco Casuscelli, operaio di Bulgarograsso, con l'accusa di tentato omicidio nei confronti dell'ex compagna.

Condannato a cinque anni

E' arrivata la sentenza: Franco Casuscelli, 41 anni, operaio di Bulgarograsso, è stato condannato a cinque anni di reclusione. L'uomo era in carcere con l'accusa di tentato omicidio dalla sera del 18 gennaio scorso, quando i Carabinieri lo arrestarono poco dopo aver tentato di accoltellare  l'ex compagna. Ha influito sulla pena anche una precedente condanna dell'uomo per maltrattamento. Fin dall'inizio l'operaio, per giustificarsi, ha ripetuto che voleva "soltanto spaventarla", ma questo non è servito a modificare l'accusa.

I fatti e le parole della donna

La sera del tentato omicidio, verso le 21.10, la vittima aveva appena finito di lavorare ed era salita in auto, parcheggiata all'ingresso del centro sportivo comunale. L'uomo ha rotto il finestrino anteriore, lato guida, con un sasso. Poi, impugnando il coltello,  ha iniziato a sferrare coltellate all'indirizzo della donna, la quale si è difesa con il braccio. Fortunatamente ha riportato solamente una ferita al polso sinistro. Dopodiché si è spostata sul sedile di fianco, ha aperto la porta e ha incominciato a scappare chiedendo aiuto. L'uomo l'ha inseguita per qualche metro finché, vedendo che stavano arrivando altre persone nel parcheggio, è fuggito. La vittima è una 31enne, residente a Bulgarograsso, con tre figli. "Avevo 18 anni quando l'ho conosciuto, lavoravamo insieme", ha raccontato al Giornale di Olgiate. "Ero innamorata persa, ma le violenze sono iniziate da subito. Dopo sei mesi sono rimasta incinta e siamo andati a convivere. Lui è sempre stato un padre padrone: dovevo evitare di rispondere, litigavamo, si urlava, calci, sberle e minacce. Io mi sono sempre detta che aveva ragione lui e quindi non l'ho mai denunciato. Quando poi ho pensato di allontanarmi, lui non ci è stato, non si immaginava senza di me. Alla fine, nel settembre dello scorso anno, ho deciso di rivolgermi alle Forze dell'ordine. Non avrei mai pensato che sarebbe arrivato ad accoltellarmi". Poi un ringraziamento a chi le è stata vicina in questi momenti e un pensiero rivolto alle altre donne che stanno attraversando la sua stessa situazione: "Direi loro di denunciare, subito alla prima avvisaglia, non giustificatelo mai".

Necrologie