Cronaca
la pandemia

Covid, il Sant'Anna aumenta i posti letto: 123 ricoverati (20 asintomatici), 32 in attesa al Pronto Soccorso

In Rianimazione ci sono 10 persone.

Covid, il Sant'Anna aumenta i posti letto: 123 ricoverati (20 asintomatici), 32 in attesa al Pronto Soccorso
Cronaca Como città, 05 Gennaio 2022 ore 17:47

Stante l'attuale situazione epidemiologica e viste le indicazioni di Regione Lombardia, si è reso necessario provvedere ad una riorganizzazione per ampliare il numero di posti letto destinati ai pazienti Covid all'ospedale Sant'Anna.

Covid, il Sant'Anna aumenta i posti letto

L'Unità di Crisi Covid ha ritenuto opportuno aumentare la ricettività della Degenza Chirurgica 3 fino a 50 posti letto (disposizione già attuata) ma anche riconvertire 10 posti letto nella Degenza Medica 3 (disposizione già attuata). Legato a questa riconversione è il trasferimento nella Degenza Chirurgica 2 dell'unità operativa di Medicina Interna (in Degenza Medica 3 attualmente). Inoltre l'unità operativa di Cardiologia (che è attualmente in Degenza Medica 3) viene trasferita nella Degenza Medica 2, nel settore dove i posti letto sono già organizzati e predisposti con la telemetria (questa disposizione sarà attuata ad ultimazione dei precedenti passaggi nel corso dei prossimi giorni e comunque in relazione alla pressione critica esercitata sul Pronto Soccorso). Nel restante settore della Degenza Medica 2 restano le unità operative di Oncologia, Nefrologia e Neurologia.

Tutta la riorganizzazione consentirà anche il reperimento del personale medico ed infermieristico da destinare all'assistenza dei pazienti Covid. Ad oggi i pazienti Covid ricoverati all’ospedale Sant’Anna sono 123, di cui 20 asintomatici e risultati positivi a seguito del tampone effettuato al momento del ricovero per altre ragioni; i pazienti in Rianimazione sono 10 (ricompresi nei 123); in attesa di ricovero ci sono 32 pazienti in Pronto Soccorso (che vanno sommati ai 123 già ricoverati).

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie