Cronaca
Tragedia

E' deceduto il ragazzino tuffatosi ieri nel canale Villoresi

Inutili le cure ricevute all'ospedale Circolo di Varese, dove era stato trasportato in elisoccorso.

E' deceduto il ragazzino tuffatosi ieri nel canale Villoresi
Cronaca 10 Luglio 2022 ore 14:49

E' deceduto il ragazzino di 13 anni che ieri, sabato 9 luglio, nel pomeriggio si era tuffato nel canale Villoresi, rimanendo incastrato in una chiusa in via Vela, a Parabiago.

 

Si è spento all'ospedale Circolo di Varese

I medici hanno fatto il possibile per tenere in vita il ragazzino che ieri in via Vela, a Parabiago si era tuffato nel Canale Villoresi non riuscendo più a risalire se non grazie all'intervento di familiari e testimoni a cui aveva fatto seguito il trasporto in elisoccorso all'ospedale Circolo di Varese. Ma purtroppo i loro sforzi si sono rivelati vani. Il giovanissimo è rimasto in terapia intensiva e la sua prognosi, fino a poche ore fa, era riservata. Poi è arrivata l'ufficialità del suo decesso.

Una giornata in compagnia si è trasformata in un incubo

La vittima dell'incidente, lo ricordiamo, stava trascorrendo una piacevole giornata di sole tra chiacchiere e pic nic quando ha deciso di tuffarsi nel corso d'acqua, cosa peraltro vietata, senza più riuscire a risalire. Secondo le ricostruzioni era rimasto incastrato in una paratia. Tutto ciò aveva quindi portato  i familiari che si trovavano con lui a lanciare l'allarme dal quale era scaturito successivamente l'intervento da parte di un grande dispiegamento di mezzi di soccorso. Una giornata in compagnia trasformatasi in un incubo.

Sul posto un importante dispiegamento di mezzi

Sul posto, poi, erano giunti la Polizia Locale, i Carabinieri e i Vigili del Fuoco. Insieme all'autopompa dei pompieri, nello stesso scenario si erano portate le unità del corpo sommozzatori di Milano. In loco, quindi, l'intervento in codice rosso da parte dei paramedici della Croce rossa di Legnano. Il velivolo era atterrato invece nelle immediate vicinanze della sommersione. Sanitari e Forze dell'ordine era rimasti per diverse ore nel teatro dell'accaduto. Un luogo in cui diverse famiglie di origine sudamericana sono solite trascorrere le loro giornate nel fine settimana.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie