Cronaca
Nuovi casi

Emergenza Coronavirus la lettera del sindaco di Suello

Sono saliti a 8 i cittadini infettati residenti nel piccolo paese.

Emergenza Coronavirus la lettera del sindaco di Suello
Cronaca Erba, 15 Marzo 2020 ore 10:55

Emergenza Coronavirus la lettera del sindaco di Suello.

Emergenza Coronavirus i casi a Suello

Il sindaco Angelo Giacomo Valsecchi ha comunicato il numero di infettati all'interno del piccolo Comune. Sono 8 i casi di positività al testa da Coronavirus, a seguito del quale sono state attivate tutte le misure necessario riguardanti il sistema di prevenzione e controllo sanitario.

La lettera del sindaco

"Cari suellesi, vi scrivo al termine di un'altra giornata dura. Vorrei condividerei con voi, in questo momento difficile per tutti, alcune riflessioni. Non vi nascondo che sono molto preoccupato e sto vivendo questi giorni con angoscia. Mai avrei immaginato nella mia vita, nella nostra vita, di far fronte a un'emergenza di questo tipo. Credo che per me, al termine di tutto questo, niente sarà più come prima. Persone che conosciamo da sempre improvvisamente si ammalano, muoiono. A Suello abbiamo appena salutato Mario, a Civate un altro caro amico ci ha lasciato  ieri. Un virus che non lascia il tempo per un saluto, per un abbraccio, per una carezza, per piangere le persone con le quali abbiamo passato una vita insieme. Un virus che costringe a vivere la malattia in solitudine, in isolamento. Un virus che lascia i propri cari a casa, in quarantena, nell'incertezza quotidiana, nella mancanza di informazioni, nell'impossibilità di assistere i propri cari".

L'invito del sindaco

"I casi nel nostro paese sono ancora oggi in aumento. So che tutti ci stiamo impegnando a rimanere a casa, a rispettare le regole... e in questi giorni attraversare il paese vuoto mi causa molta tristezza ma anche sollievo perché so che il messaggio è stato compreso nella sua gravità. Vi scrivo questa sera perché sono sicuro che domani, nonostante il bel tempo, rimarrete tutti a casa. I sentieri e le strade dove siamo soliti passeggiare sono chiusi e presidiati: non incorrete in inutili sanzioni e salvaguardate non solo la vostra salute ma anche quella di tutti. Ricordo che anche il Soccorso Alpini ci chiede di non salire in montagna, nemmeno da soli... proprio per evitare di dover soccorrere qualcuno che poteva starsene a casa. Vi ricordo che a fronte di questa emergenza abbiamo attivato dei servizi per supportare queste azioni di contenimento necessarie: pasti, farmaci e spesa a domicilio: cambio indumenti per chi è in quarantena e ha una persona ricoverata. per qualsiasi cosa siamo a vostra disposizione. Ringrazio tutti il personale della Croce Verde di Bosisio Parini e i volontari che si sono attivati. Stiamo in casa, stiamo in casa, stiamo in casa!"

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU

Necrologie