Cronaca
i servizi

Enerxenia avanti tra smart working, digitalizzazione dei servizi e solidarietà

E' stata fatta una donazione di cinquantamila euro a favore della Fondazione comunitaria del Lecchese Onlus

Enerxenia avanti tra smart working, digitalizzazione dei servizi e solidarietà
Cronaca Como città, 06 Aprile 2020 ore 14:58

Quella che stiamo vivendo per effetto del Covid-19 è sicuramente una situazione di grave crisi, che colpisce ciascuno di noi singolarmente e le intere comunità in cui viviamo. Un evento drammatico sotto il profilo della salute delle persone, ma anche in termini di ricadute economiche. Certo è che nulla sarà più come prima. E anche i nostri comportamenti e le nostre abitudini di vita cambieranno”. Giovanni Perrone, amministratore delegato di Acel Energie, azienda che opera anche con il brand Enerxenia, fotografa così il contesto straordinario in cui, per effetto del Covid-19, le famiglie e le imprese stanno misurandosi.

Enerxenia avanti tra smart working e la digitalizzazione dei servizi

Un contesto che investe anche il modo con il quale Enerxenia è solita offrire i propri servizi: “Anche noi stiamo lavorando ormai da due settimane in modalità smart working per garantire il massimo livello di protezione a tutto il nostro personale. – continua – E i nostri sportelli, da sempre luogo privilegiato di contatto con i nostri clienti, sono chiusi. Da parte nostra, tuttavia, continuiamo ad offrire il nostro servizio con la stessa trasparenza, professionalità e vicinanza di sempre. Fortunatamente la tecnologia ci sta aiutando. E, penso, in futuro aiuterà sempre di più anche i nostri clienti”.

Il riferimento, ovviamente, è alla digitalizzazione dei servizi: "Pensiamo anche soltanto alla possibilità di ricevere una bolletta tramite email – spiega – Non facciamo caso al fatto che, utilizzando il sistema postale tradizionale, ci sono costi sociali e ambientali: innanzitutto il postino è costretto ad uscire per consegnare la bolletta a domicilio, e in questo periodo sappiamo bene con quali rischi; poi vi sono da calcolare le emissioni di CO2, gli sprechi di carta, acqua e ed inchiostro. Con la bolletta digitale invece tutto ciò viene evitato: la bolletta viene recapitata direttamente e gratuitamente sulla casella di posta elettronica, che diventa così un archivio digitale ordinato e sicuro dove la si può consultare facilmente ogni volta che serve, togliendo di mezzo ingombranti faldoni cartacei in casa".

Molte le possibilità per accedervi: dallo sportello clienti online miA Energia (areaclienti.miaenergia.eu) all’App miA Energia scaricabile sullo smartphone da Play Store (Android) e Apple Store (iOS), dalla sezione Comunica con Enerxenia nel sito al servizio clienti gratuito che risponde al numero verde 800.742.999.

Ma non è l’unico suggerimento che arriva dall’Amministratore Delegato di Acel Energie: “Un altro esempio è il servizio di domiciliazione bancaria, al quale non tutti ancora ricorrono. – continua – In questo caso si evita che sia il cliente a dover uscire di casa per recarsi in banca periodicamente a pagare la bolletta, ancora una volta mettendo a rischio la propria salute in periodi come questo, affollando uffici bancari e postali e contribuendo ad aumentare le emissioni di CO2 in atmosfera”.

“Siamo in un momento di grande cambiamento delle nostre abitudini quotidiane“ – prosegue l’AD – ma questa emergenza ci sta insegnando che è la somma dei comportamenti dei singoli che può fare la differenza tra vincere uniti una sfida o perderla tutti: vale per la lotta al cambiamento climatico così come per l’emergenza sanitaria. Pertanto il mio invito è a fare ciascuno la nostra parte con tutti i piccoli gesti possibili, anche attraverso quello concreto di attivare il servizio di bolletta online e la domiciliazione bancaria”.

La donazione

Conclude Perrone: “Anche noi ci teniamo a fare la nostra parte. Nell’ambito del programma “Acel, energie per il territorio” che abbiamo lanciato durante questa emergenza sanitaria ed economica, vogliamo dare un segno concreto e tangibile della nostra presenza. Innanzitutto abbiamo deciso di effettuare una donazione di cinquantamila Euro a favore della Fondazione comunitaria del Lecchese Onlus per il sostegno ai reparti ospedalieri impegnati nel contrasto all’epidemia da coronavirus, a cui il gruppo ACSM-AGAM sta sta facendo seguire altri contributi per gli altri territori in cui operiamo. In secondo luogo, oltre al potenziamento dei canali digitali che consentono a ciascun cliente di avere tutti i servizi senza uscire di casa, proprio per rispondere alle difficoltà del momento e in considerazione delle restrizioni alla circolazione, abbiamo deciso di sospendere il pagamento delle bollette fino all’8 maggio. Infatti, non verrà applicato alcun interesse di mora a tutte le bollette non domiciliate in scadenza tra il 23 marzo e il 18 aprile, per coloro che provvederanno al pagamento entro l’8 maggio prossimo. #iorestoacasa smette di essere un semplice hashtag solo quando si permette anche agli altri di farlo".

Necrologie