Cronaca

Ex funzionario rumeno arrestato a Como

Su Serban Pop pendeva un mandato di cattura internazionale e una condanna di 5 anni.

Ex funzionario rumeno arrestato a Como
Cronaca Como città, 26 Luglio 2018 ore 09:45

Un ex funzionario rumeno è stato arrestato a Como. Su di lui pendeva un mandato di cattura internazionale.

Ex funzionario rumeno arrestato: condannato per corruzione

Serban Pop è l'ex presidente dell'Anaf, Agenzia nazionale dell'amministrazione fiscale rumena. Circa un mese fa è stato condannato dal suo paese a scontare una pena di cinque anni di carcere. A suo carico infatti c'è un'accusa di traffico di influenze, ovvero di corruzione, in una vicenda che lo aveva visto coinvolto unitamente a diversi alti funzionari degli organi di governo di quel paese. Una volta saputo della sentenza però Pop è fuggito dalla Romania.

L’uomo avrebbe ricevuto nel 2015 l’ingente somma di 230mila euro per insabbiare la posizione di noto imprenditore locale coinvolto a
sua volta in una vicenda dai contorni ancora tutti da accertare. La vicenda, che ha visto coinvolti noti personaggi facenti parte dell’establishment della Romania, aveva suscitato in patria un enorme scalpore presso l’opinione pubblica.

L'arresto

Pop doveva essere sicuro di essere sfuggito alle forze dell’ordine del proprio paese, si è recato all’ufficio postale di Como per aprire un conto corrente, certo di potersi mimetizzare tra la folla di turisti che in questo periodo estivo affollano la città ed i suoi dintorni.
Ma la sua presenza ed il suo atteggiamento sospetto non sono passati inosservati ai dipendenti di Poste Italiane che hanno allertato prontamente gli investigatori del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Milano. Questi, dopo aver verificato l’effettiva identità dell’uomo e la presenza a suo carico di un mandato d’arresto internazionale spiccato nei suoi confronti dall’Autorità Giudiziaria rumena, lo hanno tratto in arresto conducendolo presso il carcere del Bassone di Como, in attesa dell’estradizione nel proprio paese.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU

Necrologie