Menu
Cerca
l'operazione

Fermato alla dogana un traffico illecito di rifiuti: sequestrati 20mila kili di metalli ferrosi

L'autotrasportatore ha subito reso dichiarazioni spontanee di quello che gli era stato chiesto di fare.

Fermato alla dogana un traffico illecito di rifiuti: sequestrati 20mila kili di metalli ferrosi
Cronaca Como città, 01 Marzo 2021 ore 08:18

Fermato alla dogana un traffico illecito di rifiuti: sequestrati 20mila kili di metalli ferrosi.

Fermato alla dogana un traffico illecito di rifiuti: sequestrati 20mila kili di metalli ferrosi

Nelle scorse ore, i funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli della Sezione Operativa Territoriale (SOT) di Ponte Chiasso e i militari della Guardia di Finanza del Gruppo di Ponte Chiasso, nell’ambito di un’attività di indagine sui trasporti transfrontalieri di rifiuti, hanno sequestrato un carico di 20.610 kg di particolato di metalli ferrosi e l’autoarticolato che li trasportava, per violazione della normativa sul trasporto dei rifiuti.

In sede di controllo di una dichiarazione di importazione, i funzionari ADM si sono accorti dell’incongruenza tra l’itinerario di viaggio seguito dal trasportatore, l’origine UE della merce dichiarata in fattura e l’indicazione di una società svizzera quale soggetto “generatore di rifiuto” riportata sul documento accompagnatorio della spedizione (il cosiddetto Allegato VII). Gli agenti procedevano pertanto alla visita dell’autoarticolato, riscontrando, altresì, una differenza qualitativa della merce, dichiarata come “ritagli, sfridi o lingotti” ma che si presentava, in realtà, come scarti, sotto forma di polveri di metalli ferrosi.

I sospetti sull’incongruenza dell’intera operazione di importazione, che seguiva di pochi minuti una operazione in esportazione verso la Svizzera dell’identico carico, venivano confermati dalle dichiarazioni spontanee rese dall’autista, il quale ammetteva di non avere mai eseguito la consegna in Svizzera, avendo ricevuto precise istruzioni dal proprio titolare di riportare la merce tal quale in Italia, scortata da nuovi documenti forniti da un intermediario svizzero, per la consegna definitiva del carico, in realtà generato in Italia, ad un soggetto economico italiano indicato come importatore definitivo.

Gli agenti hanno ravvisato gli estremi di una spedizione illegale di rifiuti. Tale fattispecie, secondo la Corte di Giustizia europea, si concretizza quando il documento di accompagnamento relativo alla spedizione -il citato Allegato VII- contenga informazioni erronee o incoerenti per quanto riguarda importatore/destinatario, impianto di recupero e paesi/Stati interessati. I baschi verdi hanno proceduto, quindi, alla denuncia del trasportatore per il reato di traffico illecito di rifiuti e al sequestro preventivo della merce e dell’autoarticolato.

3 foto Sfoglia la gallery
Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Necrologie
Idee & Consigli