Dal Giornale di Cantù

I marianesi ricoprono il pitbull Indigo di peluches STORIE SOTTO L’ALBERO

Il Giornale di Cantù regala ai lettori di Giornaledicomo.it le più belle storie raccontate nel corso del 2020 sulle pagine del nostro settimanale.

I marianesi ricoprono il pitbull Indigo di peluches STORIE SOTTO L’ALBERO
Cronaca Marianese, 31 Dicembre 2020 ore 14:00

Dopo un semplice annuncio su Facebook, il canile “Gli Amici del Randagio” è stato letteralmente inondato di telefonate e messaggi per poter aiutare il pitbull Indigo.

Ma facciamo prima un piccolo passo indietro. Lo scorso 16 ottobre il canile di Mariano pubblica un post sulla propria pagina Facebook intitolato “Indigo cerca peluches” e che spiega: “Il percorso riabilitativo di Indigo prevede al momento il ‘sacrificio’ di un peluche ad ogni uscita, per aiutarlo a calmarsi e a non sentire il bisogno di sfogarsi con ciò o chi capita. Poco importa se siano integri, mezzi lacerati, bellissimi o inguardabili… l’importante è potergliene offrire uno. Vi va di aiutarci ad aiutarlo? Indigo è ospite del canile di Mariano, ma i pupazzi si possono consegnare anche al canile di Erba. Grazie a tutti”.

Un post per Indigo, il racconto del responsabile Folloni: “L’appello su Facebook ha fatto il botto”

Dopo questo messaggio si muove la catena della solidarietà di tutti i marianesi che condividono a loro volta il post, spargono la voce tra amici e famigliari e vanno anche a cercare tra i vecchi scatoloni in cantina dei peluches da poter donare al pitbull Indigo. In pochissimo tempo così il canile “Gli amici del randagio” viene letteralmente inondato di messaggi, mail e telefonate da parte di cittadini che vogliono donare un pupazzo per aiutare Indigo.

“L’appello su Facebook ha davvero fatto il botto – commenta Marco Folloni, responsabile del canile di Marino – In poche ore siamo stati letteralmente travolti da montagne di peluches e in particolare dall’affetto dei marianesi. Abbiamo così già raggiunto ottime quantità di pupazzi per Indigo e sinceramente non ci aspettavamo questa risposta. Molti sono anche andati nelle loro cantine a cercare vecchi peluches dei propri figli per donarceli. Non posso quindi fare altro che ringraziare tutti i marianesi e le persone che hanno condiviso il nostro appello e ci hanno donato i pupazzi necessari”.

L’obiettivo della campagna: un percorso riabilitativo per il trovatello

I peluches serviranno quindi per il percorso riabilitativo del pitbull al canile di Mariano. “Indigo è un trovatello un po’ particolare e ora deve fare un percorso di riabilitazione in cui dovrà essere seguito in maniera professionale e precisa. Per fare questo tipo di lavoro, il nostro istruttore ha valutato di recuperare un buon quantitativo di peluches che Indigo potesse distruggere e allo stesso tempo calmarsi. Grazie all’aiuto inaspettato di tanti marianesi a breve quindi inizierà questo particolare percorso di riabilitazione che Indigo dovrà seguire e che gli permetterà di trovare la giusta tranquillità per la vita in un canile, a cui i cani di strada spesso non sono abituati – conclude il responsabile Folloni – Il nostro canile mette in campo sempre tutto il possibile per aiutare i nostri animali e con Indigo abbiamo ricevuto anche l’importante contributo della popolazione di Mariano e dei paesi vicini che ci hanno portato in pochi giorni tutti i peluches necessari. Nel frattempo continueremo a tener aggiornati i marianesi sul futuro di Indigo, sperando che possa trovare presto una famiglia anche se non sarà semplice”.

(Giornale di Cantù, sabato 24 ottobre 2020)

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità