Il ciclismo piange Felice Gimondi: quella volta che sconfisse il cannibale Merckx a Como

Era il 1966. Allo stadio Sinigaglia c'era ancora il velodromo dove in quegli anni era fissato il traguardo del Giro di Lombardia.

Il ciclismo piange Felice Gimondi: quella volta che sconfisse il cannibale Merckx a Como
Como città, 17 Agosto 2019 ore 10:13

Il ciclismo piange Felice Gimondi. Il campione bergamasco, colto da un malore, è morto ieri sera, 16 agosto, a Giardini Naxos in Sicilia, dove si trovava per un periodo di vacanza con la moglie. Nato a Sedrina il 29 settembre 1942, aveva 76 anni e viveva ad Almé.

Felice Gimondi e la vittoria su Merckx al Giro di Lombardia

La sua carriera parla per lui. È stato uno dei sette ciclisti ad aver vinto tutti e tre i grandi Giri: Giro d’Italia (per tre volte, nel 1967, 1969 e 1976), Tour de France (nel 1965) e Vuelta a España (nel 1968). Si aggiudicò un campionato del mondo su strada nel 1973 e alcune classiche monumento: una Parigi-Roubaix, una Milano-Sanremo e due Giri di Lombardia.

E proprio a questa classica è legato il ricordo comasco di Gimondi. Gran parte della carriera del bergamasco è coincisa con quella del “cannibale” Eddy Merckx e il belga è considerato uno dei più grandi ciclisti al mondo. Eppure in occasione del Giro di Lombardia del 1966 l’italiano riuscì a battere nello sprint finale al velodromo dello stadio Sinigaglia di Como il cannibale.

Oggi purtroppo il velodromo non esiste più, abbattuto negli anni Ottanta per fare spazio a nuovi posti a sedere per i tifosi del calcio. Ieri Gimondi, uno dei simboli del ciclismo italiano, ci ha lasciato. Il ricordo di quel sorpasso finale però rimarrà per sempre.

LEGGI ANCHE:

Il ritratto personale tratteggiato dal nostro caporedattore Sport Valerio Zeccato: Il “mio” Felice Gimondi, campione di umiltà e saggezza

–> Quando Felice Gimondi inaugurò la pista ciclabile di Calusco FOTO

–> Portare il Tour de France a Bergamo: il sogno di Gimondi che ora va realizzato

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia