Cronaca

Il ciclismo piange il canturino Giuseppe Castelli

Una morte improvvisa che ha sconvolto il mondo del ciclismo.

Il ciclismo piange il canturino Giuseppe Castelli
Cronaca Canturino, 27 Agosto 2018 ore 14:29

Stroncato da malore improvviso nella notte tra sabato 25 e domenica 26 agosto. Ciclismo in lutto per la morte del fotografo Giuseppe Castelli, 67 anni.

Il ciclismo piange il canturino Giuseppe Castelli

Canturino, era un appassionato di ciclismo e fotografia. "Era molto legato al ciclismo giovanile - ricorda Mauro Viotti del CC Canturino - . Era legato a tante squadre del territorio oltre alla nostra anche la Marianese e la Giussanese. Seguiva i Giovanissimi, gli Esordienti e gli Allievi. Era una presenza immancabile ad ogni presentazione del nostro team. Ha visto crescere ciclisti come Davide Ballerini e Simone Petilli".

Il cordoglio di Federciclismo

"Una morte improvvisa, che ha sconvolto tutto l’ambiente delle due ruote, familiari e amici. Non c’è stato nulla da fare per Giuseppe Castelli. Classe 1951, fotografo per passione sulle strade di tutte le corse della Lombardia e non solo, amava il ciclismo e i giovani come pochi. Originario d Cantù, nel Comasco, era solito scherzare con quel suo faccione simpatico e buono. Ieri a Vertova i suoi ultimi scatti nella gara degli Juniores, prima di chiudere gli occhi per sempre. Dal presidente Cordiano Dagnoni e da tutto il Comitato Regionale Lombardo le più sentite condoglianze ai familiari del caro Beppe" si legge nel comunicato.

L'ultimo saluto

I funerali avranno luogo oggi, lunedì 27 agosto, alle ore 16.30 nella Parrocchia San Carlo di via per Alzate a Cantù.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU

Necrologie