Il Cinema Astra rinasce e fa rete "in streaming" con altre sette sale

Il Cinema Astra non vuole semplicemente sopravvivere bensì tornare allo splendore di un tempo e lancia un progetto innovativo.

Il Cinema Astra rinasce e fa rete "in streaming" con altre sette sale
Como città, 11 Aprile 2018 ore 13:50

Il Cinema Astra lancia un progetto innovativo ma non dimentica la tradizione e la sua vocazione. Diventa teatro di prodotti culturali e di riflessione che però non rimarranno nella sola sede comasca, ma verranno trasmessi in streaming in altre sette sale del circuito. Ma non solo. Sul nuovo sito www.astracinema.it ci sarà la sezione "Astra Play" dove si potranno vedere i contenuti che si sono svolti live in sala.

Il progetto

"L'Astra un anno fa si è trovato davanti ad un bivio. Da una parte l'ipotesi della chiusura, dall'altra una sofferta sopravvivenza. Abbiamo scelto una terza strada, la crescita sviluppando i punti di forza della storica sala comasca. Una sala da 450 posti, con storia e tradizione, una sala al centro di una costellazione di altre sale della Diocesi di Como" ha spiegato il presidente di ACECC, l'associazione che gestisce il Cinema Astra.

Da questo spunto l'estate scorsa è nato il progetto "Astra Hub. Cinema e cultura in rete" che prevede l'ammodernamento della sala di Como con nuove luci e quattro videocamere a cui si aggiunge un avanzatissimo sistema di trasmissione in streaming in alta definizione. Ciò permetterà di trasmettere in diretta gli eventi culturali con sede a Como in altre sette sale del circuito: Menaggio (CineLario), Chiavenna (Cineteatro Victoria), Morbegno (sala Ipogeo), Tirano (Cinema Mignon), Chiesa Valmalenco (Cinema Bernina), Sondrio (Cinema Excelsior) e Livigno (Cinema Lux).

Marco Fumagalli, coordinatore tecnico del progetto, ha spiegato: "Tutto questo è potuto partire perché abbiamo vinto un bando lo scorso settembre sulle partecipazioni culturali promosso da Fondazione Cariplo, la benzina del percorso. Per il primo anno (maggio 2019) verremo finanziati con 80mila euro, ma per portare a compimento il progetto si dovrà arrivare a 150mila euro grazie a sponsor e a una campagna di crowdfunding sulla piattaforma di Fondazione Comasca".

La campagna di raccolta fondi è infatti aperta su www.fondazionecomasca.it/fondi nella sezione "Astra Hub". L'obiettivo è di raccogliere per maggio 2019 almeno 30mila euro. Ma anche chi parteciperà agli eventi culturali di quest'anno, tutti a ingresso gratuito, potrà fare una donazione e avrà due poltrone riservate in esclusiva.

Nel frattempo è già alle battute finali la fase operativa tanto che il 17 aprile alle ore 21 ci sarà il battesimo della sala con un testimonial del panorama cinematografico italiano di grande spicco ma del quale non è ancora stato svelato il nome.

I commenti

Alla presentazione del progetto presente anche Don Tiziano Rafaini della parrocchia di San Bartolomeo, proprietaria dello stabile. "Certo i problemi economici dello stabili rimangono ma questo è il passo giusto. Si tratta di un'idea per mettere in rete le sale e condividere le iniziative. Il Cinema deve diventare espressione del territorio, non solo per quel che riguarda il cinema ma anche con tante altre iniziative culturali".

Gli ha fatto eco Don Angelo Riva della Diocesi di Como: "Tutto questo progetto è collettivo e coinvolge più partner tra i quali la Diocesi. Vogliamo raggiungere tanta gente, rispondere alle esigenze del 'mercato' si direbbe ma dall'altra dobbiamo mantenere la capacità di incontrare l'uomo e le sue domande con prodotti di qualità".

Presente alla presentazione anche l'assessore all'innovazione Elena Negretti che ha commentato: "Il Comune di Como crede in questo progetto. Astra deve riprendere vita e ritrovare la sua autorità in città. E lo fa ampliandosi anche fuori i confini del capoluogo. E se questo può dare la possibilità ai giovani di aggregarsi in maniera diversa ben venga!".

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU

Necrologie