la denuncia

In via Regina Teodolinda il parcheggio-giungla. Lissi: “Hanno chiuso il centro migranti per portare degrado”

Il Pd denuncia cosa c'è nell'area dove sorgeva il centro migranti.

In via Regina Teodolinda il parcheggio-giungla. Lissi: “Hanno chiuso il centro migranti per portare degrado”
Como città, 16 Ottobre 2020 ore 16:48

Il Partito Democratico all’attacco dell’amministrazione a trazione leghista guidata dal sindaco Mario Landriscina. Sotto la lente d’ingrandimento il parcheggio di 70 posti auto voluto dal Comune dopo aver chiuso il centro migranti governativo che però è abbandonato a se stesso.

In via Regina Teodolinda il parcheggio-giungla

“Nel 2018 la Lega ha chiuso il campo di via Regina, cantando vittoria in una presunta crociata contro il degrado e l’immigrazione. Poi, il campo è stato trasformato in un parcheggio che doveva servire la città e la sua carenza di posti auto. Ma, oggi, questo luogo è una giungla vera e propria, tra arbusti e rami, e macchine che devono trovare posto tra la vegetazione. Uno scandalo. Volevano salvarci dall’invasione ma hanno condannato un altro angolo di Como al degrado” dichiara la consigliera del Partito Democratico, Patrizia Lissi.

Da centro migranti a parcheggio: in via Regina da oggi 70 posti auto (gratis)

“Ho perso il conto delle volte in cui ho evidenziato come la struttura di via Regina potesse essere utile a mettere un argine all’emergenza della grave marginalità a Como. Si è fatta la scelta politica di trasformarlo in un parcheggio per auto invece che in un rifugio per persone. L’ironico paradosso? Non c’è più la struttura che in questo momento sarebbe provvidenziale per ospitare i senzatetto con l’arrivo dell’inverno ma non c’è nemmeno uno spazio funzionale per risolvere un altro problema (ben diverso seppur cronico) della città – ha aggiunto la consigliera Lissi – i posti auto. Lo spazio di via Regina, ad oggi in condizioni pessime, difficilmente risolverà la mancanza di posteggi. Ecco il risultato di una delle gloriose crociate dell’amministrazione Landriscina. Volevano risolvere due problemi in un colpo solo ma ora a Como si dorme per strada e non si trova nemmeno posto per la macchina”.

3 foto Sfoglia la gallery
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia