Cronaca
I controlli

Intercettati un milione e 700mila euro non dichiarati ai valichi di Ponte Chiasso, Brogeda e Oria Valsolda

Contrasto al traffico transfrontaliero di valuta.

Intercettati un milione e 700mila euro non dichiarati ai valichi di Ponte Chiasso, Brogeda e Oria Valsolda
Cronaca Como città, 28 Giugno 2022 ore 09:09

Nell’ambito delle attività di contrasto al traffico transfrontaliero di valuta presso i valichi di competenza dell’UD di Como, i funzionari dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli e i militari del Gruppo di Ponte Chiasso della Guardia di Finanza hanno intercettato nelle ultime settimane 1.734.342 euro.

Intercettati un milione e 700mila euro non dichiarati ai valichi di Ponte Chiasso, Brogeda e Oria Valsolda

Più precisamente, presso i due valichi della SOT di Ponte Chiasso sono state accertate ben 34 violazioni dell’obbligo di dichiarazione di somme pari o superiori a 10mila euro, a carico di soggetti che ne trasportavano oltre 20mila. Per 28 delle violazioni suddette, con un totale di 758.997,62 euro rinvenuti, sussistendone le condizioni di legge, i trasgressori sono stati ammessi al beneficio dell’oblazione immediata, con il pagamento contestuale di un importo pari al 15% calcolato sull’eccedenza, complessivamente pari a 73.349,51 euro. In 6 casi, in mancanza delle condizioni per consentire ai trasgressori di accedere al beneficio dell’oblazione, o perché se ne erano già avvalsi o perché l’eccedenza superava il limite di 40mila euro, si è proceduto, nei termini di legge, a sequestrare il 50% dell’eccedenza – per un totale di 346.670 euro – somma trattenuta a garanzia del pagamento delle sanzioni amministrative determinabili dal Ministero dell’Economia e delle Finanze in una misura che può andare dal 30% al 50% dell’eccedenza stessa.

In particolare, presso il valico di Brogeda Autostradale, è stata sequestrata una cartella ipotecaria al portatore, detenuta da una imprenditrice svizzera che stava entrando in Italia, emessa per un importo pari a 200mila franchi svizzeri, pari al controvalore di 196.078,43 euro, da considerare denaro contante anche ai sensi del nuovo Reg. UE n. 1672/2018 e trattenuta per intero in quanto titolo indivisibile, in attesa della definizione della sanzione da parte del MEF. Infine, presso il valico della SOT di Oria Valsolda, è stata accertata la violazione dell’obbligo di dichiarazione valutaria a carico di una guida turistica di nazionalità tailandese che trasportava 32.440 euro e 3.600 franchi svizzeri, per un controvalore di 3.495,15 euro, con conseguente irrogazione della sanzione di 3.890,27 euro. I trasgressori sono prevalentemente di nazionalità italiana, svizzera e dei Paesi dell’Europa orientale, mentre tra i tagli delle banconote, gli euro prevalgono su franchi svizzeri e dollari americani, con qualche esemplare di valute correnti nei Paesi fuori dalla zona euro, quali Repubblica Ceca, Polonia e Romania.

I funzionari ADM e i militari della Guardia di Finanza garantiscono il rispetto delle prescrizioni di cui al D.Lgs. n. 195/08 in materia valutaria, attraverso la costante azione sinergica svolta nel contesto del più generale dispositivo di controllo al confine volto a contrastare le violazioni delle norme doganali

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie