La tomba che divide racconta un amore gay FOTO

In memoria di Carlo un premio teatrale a tematica gay.

La tomba che divide racconta un amore gay FOTO
06 Novembre 2017 ore 14:00

La tomba che divide racconta un amore gay che dura da 36 anni

La tomba che divide racconta un amore gay che dura da 36 anni

Azzurro e giallo, giallo e azzurro. Tanti fiori. Un giardino di viole mammole. E poi le foto, grandi enormi, di Carlo che è andato avanti e di Corrado che è rimasto qui ad amarlo, azzerando le distanze. Chiamatelo monumento funerario o semplicemente tomba, quella che è ormai diventa tappa di pellegrinaggio al cimitero di Mariano Comense. Troppo colorata per alcuni, strana, diversa, capace di rompere il grigio, inopportuna…

In memoria di Carlo

E’ invece un atto d’amore che racconta una diversità in grado di arricchire, di stralciare il velo delle ipocrisie, urlando al cielo la forza di un sentimento che ha combattuto per aprirsi al mondo. Parla di un legame, durato 36 anni, e che oltre il tempo e lo spazio dura ancora, tra Carlo Annoni, morto a 61 anni di cancro lo scorso 11 aprile e Corrado Spanger.
La coppia gay, che da anni risiede in città, si era unita civilmente a Londra il 18 settembre 2010. Poi, sempre a Londra, nel giugno del 2015 aveva coronato il sogno di un matrimonio. Per essere infine riconosciuta come unione di fatto in Italia l’8 novembre del 2016.

La lotta contro il tumore

“Carlo di professione era infermiere all’ospedale di Giussano – ci racconta Corrado – Però, fin da giovane, nutriva questa grande passione per il teatro che lo ha portato a recitare nella Compagnia teatrale Dell’Anello. Era attore, regista e conoscitore teatrale, pittore, insomma un creativo, nato a Carate Brianza il 16 luglio 1955”.
La sua tomba rispecchia questa sua indole artistica: “E’ stato malato a lungo, ingaggiando una strenua lotta con la malattia, che però non gli ha lasciato scampo. Insieme decidemmo i colori che avrebbe avuto il suo monumento funerario: lui amava il giallo, io l’azzurro. Soprattutto Carlo desiderava una tomba giardino con tanti fiori che celebrassero il nostro amore. Ci siamo amati molto, tutti i giorni della nostra vita”.

Un premio teatrale

“Affinché questo amore non si disperdesse ho pensato a un Premio dedicato a Carlo e a chi come lui sia capace di esprimere amore. Questo “Premio Carlo Annoni” per testi teatrali inediti a tematica gay è semplicemente un atto d’amore e come tale farà vivere per sempre le parole degli autori che vi parteciperanno”.
E’ stato presentato al teatro Strehler nell’ambito del 31° Festival Mix Milano.  La premiazione a Milano sarà il 5 giugno 2018 e a seguire Londra e Parigi. Non viene richiesta una quota di partecipazione. Per saperne di più: info@premiocarloannoni.eu. Corrado ha voluto onorare Carlo creando questa iniziativa, il “Premio Carlo Annoni” e ha voluto che il logo, appositamente realizzato per il premio, fosse presente in qualche modo sulla sua tomba.

FOTO

19 foto Sfoglia la gallery

di Laura Mosca

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve