Mariano, ritrovato questa notte il 13enne scomparso

Il vicesindaco Fermo Borgonovo: "Bisogna elogiare tutti coloro che hanno preso parte alle ricerche".

Mariano, ritrovato questa notte il 13enne scomparso
Marianese, 31 Agosto 2018 ore 10:22

Mariano, ritrovato questa notte il 13enne scomparso

Una macchina che ha funzionato al meglio quella delle ricerche del giovane di 13 anni che era scomparso dal centro città di Mariano Comense la mattina del 30 agosto. Una mobilitazione generale che ha visto in prima linea i Vigili del fuoco, anche con le loro unità cinofile, la Protezione civile di Mariano, di Cantù e provinciale, i Carabinieri di Mariano, la Polizia locale di Mariano, la Polizia ferroviaria, il personale di FNM e anche alcuni rappresentanti dell’Amministrazione comunale Marchisio. Sono durate fino all’una di notte di giovedì le ricerche del ragazzo che è stato rintracciato con successo alla stazione ferroviaria di Seveso. Ora sta bene. E’ con i suoi genitori, lo ha annunciato sui social il vicesindaco Fermo Borgonovo.

Le ricerche: “Una macchina perfetta”

Al lavoro nella notte oltre 50 uomini. Poi la segnalazione di un viaggiatore di FNM. “L’ho riconosciuto, mi sedeva accanto”. «Bisogna elogiare tutti coloro che hanno preso parte alle ricerche – dichiara il vicesindaco di Mariano Fermo Borgonovo –  La macchina delle ricerche, con grande impegno, ha funzionato alla perfezione. Il ragazzino è rientrato sano e salvo a casa».

La ricostruzione dei Carabinieri

“Scomparso nella tarda mattinata di ieri, ritrovato questa notte. Un lasso temporale apparentemente breve diventato un’eternità per i familiari di un ragazzino minorenne che da poche settimane abita Mariano Comense. Sembrava una mattina come tante: il ragazzo era uscito con la madre e si trovavano nel centro cittadino, fermandosi nei pressi
di un locale pubblico. Un attimo di distrazione è bastato al ragazzino per allontanarsi velocemente. Al primo spavento è seguita la segnalazione prima e la denuncia poi presso i Carabinieri della Tenenza di Mariano Comense. Le prime ricerche hanno dato esito negativo (ogni strada setacciata, ogni angolo battuto) e non poteva essere altrimenti, col senno di poi del ritrovamento avvenuto nel corso della notte. Ma andiamo con ordine. La reazione operativa dei Carabinieri è stata immediata. Non avendo ottenuti i risultati sperati, si è passati allo step successivo, l’attivazione della ricerche di persona scomparsa su vasta scala. La Compagnia Carabinieri di Cantù, come da protocollo con il coordinamento della Prefettura di Como, ha sovrinteso alle fasi di ricerca che hanno visto, oltre ad un folto numero di militari dell’Arma (in particolar modo della Tenenza di Mariano Comense, conoscitori del territorio), il concorso della Protezione Civile, dell’Amministrazione Comunale di Mariano Comense, dei Vigili del Fuoco, delle unità cinofile della Associazione Nazionale Carabinieri di Giussano, del personale Trenord delle stazioni ferroviarie limitrofe. Gli operanti hanno ricostruito passo passo tutti i movimenti compiuti dal ragazzo e segnalati da testimoni (subito, infatti, le ricerche sono state diramate dai militari dell’Arma alla Polfer e a tutte le direzioni Trenord). La meticolosa attività di ricostruzione ha portato, infine, all’individuazione del ragazzo presso la Stazione Ferroviaria di Seveso (MB) a notte ormai inoltrata. Il ragazzo, in ottime condizioni di salute, è stato affidato ai genitori. Con un lieto fine”.

 

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve