Cronaca
In manette

Medico in carcere con l'accusa di violenza sessuale

Secondo l'accusa, avrebbe narcotizzato e abusato di una paziente, con la quale aveva avuto una relazione interrotta mesi fa.

Medico in carcere con l'accusa di violenza sessuale
Cronaca Como città, 04 Agosto 2022 ore 11:01

E’ accusato di avere abusato di una donna con cui in passato aveva stretto una relazione, ormai finita da mesi.

Medico in carcere con l'accusa di violenza sessuale

L'arresto è scattato la sera di martedì, 2 agosto, quando i carabinieri hanno dato esecuzione all'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Procura di Busto su disposizione del GIP Tiziana Landoni. In manette e tradotto nel carcere di Busto, un medico di 52 anni, primario in una struttura della Comasca e residente a Saronno (dove ha uno studio), che dovrà rispondere del reato di violenza sessuale aggravato dall’uso di sostanze narcotiche.

L'accusa: narcotizzata e stuprata

I fatti al centro dell’indagine risalgono allo scorso 1 luglio, quando la donna, che aveva precedentemente interrotto la relazione con lo specialista, si era recata dal medico. Ed è stato proprio in quella occasione che, secondo l’accusa, lui avrebbe abusato di lei approfittando del suo stato di incoscienza a seguito dell’uso di sostanze narcotiche. Subito dopo l’episodio è scattata la denuncia ai Carabinieri da parte delle vittima e si è avviato l’iter di indagini approfondite, coordinate dalla Procura di Busto Arsizio, che ha portato all’arresto di martedì sera.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie