Menu
Cerca

Migranti, Mariano cassa di risonanza delle parole del Papa

Migranti, Mariano cassa di risonanza delle parole del Papa
Marianese, 18 Gennaio 2018 ore 10:25

Migranti, Mariano cassa di risonanza delle parole del Papa. La comunità pastorale San Francesco ha pubblicato sulla Voce la preghiera ispirata alle parole di Papa Francesco per la giornata del Migrante. L’informatore comunitario è distribuito durante tutte le messe. Titolo dell’articolo: “Accogliere, proteggere, promuovere e integrare”.

Migranti, Mariano cassa di risonanza delle parole del Papa

“O Dio, Padre misericordioso verso tutti, in questo tempo ci stai parlando attraverso la storia di tanti migranti e rifugiati che fuggono dalle guerre, dalle persecuzioni, dai disastri naturali e dalla povertà, chiedendoci di amarli come noi stessi. Ogni forestiero che bussa alla nostra porta è un’occasione di incontro con il tuo Figlio Gesù Cristo, il quale si identifica con lo straniero accolto o rifiutato di ogni epoca. Come tuo popolo santo, ci sentiamo da te sollecitati ad amare ogni essere umano costretto a lasciare la propria patria alla ricerca di un futuro migliore, sostenendolo in ogni tappa dell’esperienza migratoria”.

“La responsabilità di accettare la sfida”

“Da te sorretti, desideriamo condividere questa responsabilità con tutti i credenti e gli uomini e le donne di buona volontà, rispondendo insieme alle numerose sfide poste dalle migrazioni contemporanee. O Padre clementissimo, che nel tuo Figlio ci hai accolti, come tuoi figli, con il dono del tuo Santo Spirito illumina i nostri governanti perché offrano a migranti e rifugiati possibilità più ampie di ingresso sicuro e legale nei paesi di destinazione, incrementando e semplificando la concessione di visti umanitari, favorendo il ricongiungimento familiare, senza mai farlo dipendere da requisiti economici. Dona loro il coraggio di aprire corridoi umanitari per i rifugiati più vulnerabili e di prevedere visti temporanei speciali per le persone che scappano dai conflitti nei paesi confinanti. Dona loro la sapienza del cuore perché si sforzino di preferire soluzioni alternative alla detenzione per coloro che entrano nel territorio nazionale senza essere autorizzati.

“Difendere la dignità di chi fugge”

” Dio, che ci proteggi con amore paterno, fa’ che i responsabili della casa comune difendano i diritti e la dignità dei migranti e dei rifugiati. Ricorda loro che, se opportunamente riconosciute e valorizzate, le capacità e le competenze dei migranti, richiedenti asilo e rifugiati, rappresentano una vera risorsa per le comunità che li accolgono. A tua immagine, rendili capaci di proteggere i minori migranti, assicurando l’accesso regolare all’istruzione. Abilitali ad impegnarsi a prevedere per i minori non accompagnati o separati dalla loro famiglia programmi di custodia temporanea o affidamento, riconoscendo e certificando il diritto universale ad una nazionalità a tutti i bambini e le bambine al momento della nascita. Fa’ che sia riconosciuto a tutti
gli stranieri presenti sul territorio la libertà di professione e pratica religiosa.
O Dio, che guidi la storia scrivendo diritto sulle nostre righe storte, con la presenza di migranti e rifugiati ci offri l’opportunità di arricchimento interculturale. Per una tua misteriosa volontà si sta realizzando un processo mirante a rendere società e culture sempre più riflesso dei multiformi doni che elargisci agli uomini”.

“La cultura dell’incontro”

“Fa’ che cresca la cultura dell’incontro e si diffondano le buone pratiche di integrazione, perché diventiamo un’unica famiglia secondo il tuo Cuore.
O Madre di Dio, che hai sperimentato su di te la durezza dell’esilio, alla tua materna intercessione affidiamo i migranti e i rifugiati del mondo e gli aneliti delle comunità che li accolgono, affinché impariamo ad accogliere Cristo nei nostri fratelli stranieri”.

Necrologie