Menu
Cerca
Sport

Pallacanestro Cantù guarda al futuro, con una società più forte e stabile

"Abbiamo salvato il club, ora pensiamo alle prossime stagioni".

Pallacanestro Cantù guarda al futuro, con una società più forte e stabile
Cronaca Canturino, 07 Giugno 2021 ore 12:43

Pallacanestro Cantù guarda al futuro. E' questo il concetto chiave espresso durante la conferenza stampa di questa mattina, lunedì 7 giugno 2021, nella sede di Labor Project. A dare forza al progetto il presidente Roberto Allievi, l'amministratore delegato Andrea Mauri, il presidente di Cantù Next Sergio Paparelli e il presidente di Tutti Insieme Cantù Angelo Passeri.

"Stagione anomala, meritiamo di essere riperscati"

Il primo a prendere la parole è stato il presidente Allievi.

"E' stata una stagione difficile, come ci aspettavamo. Certo non ci aspettavamo di chiudere con una retrocessione. Abbiamo subito due volte gli effetti del Covid, per cui non abbiamo potuto dimostrare il nostro vero valore. Direi che ci meritiamo di essere ripescati. Allo stato attuale siamo in A2 e costruiamo una squadra per tornare subito in A1. Se ci verrà data la possibilità di giocare l'anno prossimo in A1 la prenderemo al volo e costruiremo una squadra competitiva per la salvezza. Tutto questo è possibile perchè ora la società ha una certa stabilità economico finanziaria ed è questa la cosa per cui abbiamo lavorato maggiormente. Sul piano tecnico sportivo, invece, sono stati fatti certamente degli errori, per i quali mi assumo tutte le responsabilità".

"Il progetto del palasport procedo spedito"

E' toccato poi a Sergio Paparelli il punto della situazione sulla costruzione del nuovo palazzetto.

"Come CantùNext stiamo lavorando in simbiosi con Pallacanestro Cantù. Stiamo procedendo spediti. Siamo ambiziosi e determinati".

"Avremo un nuovo direttore tecnico"

Nella sua doppia veste di amministratore delegato di CantùNext e Pallacanestro Cantù, invece, Andrea Mauri ha parlato sia del palazzetto che della gestione sportiva.

"La retrocessione non ci ridimensiona, perchè stiamo gettando le basi per il futuro. In questi due anni la parte sportiva è stata sicuramente quella più sacrificata, perchè avevamo necessità di mettere a posto i conti della società e di dirottare risorse e professionisti sul progetto palasport. Dal prossimo anno torneremo a implementare anche il nostro organigramma. Vi annuncio che Bruno Arrigoni entrerà a far parte del Cda di Pallacanestro Cantù, proprio per dare spazio alla dimensione sportiva, e che avremo un nuovo direttore tecnico, Fabrizio Frates. A loro due si aggiungerà una figura che farà solo scouting e una che si occuperà del ticketing. Ai tifosi chiedo pazienza. So che è stata una grandissima delusione, ma abbiamo bisogno di supporto".

"Abbiamo salvato la società, dando nuova credibilità"

A chiudere l'intervento di Angelo Passeri, che ha anticipato una imminente riunione in presenza di TiC.

"Il progetto che stiamo portando avanti è sostanzioso e ambizioso. Abbiamo salvato la società e al contempo le abbiamo dato un futuro. Il progetto va sostenuto nel tempo, ma direi che ora le basi ci sono. Eravamo consapevoli che facendo tutto questo ci potesse essere qualche inciampo sul percorso. Chiediamo dunque pazienza".

Necrologie