Menu
Cerca
La sconfitta

Pallacanestro Cantù occasione sprecata contro Reggio Emilia

I canturini non riescono a prendersi la vittoria.

Pallacanestro Cantù occasione sprecata contro Reggio Emilia
Cronaca Canturino, 18 Aprile 2021 ore 21:55

Cantù va vicina a una vittoria pesante, che le avrebbe permesso di compiere un passo significativo in classifica ma, sul più bello, a esultare è Reggio Emilia che, con un colpo di coda nel finale, riesce a ribaltare una partita che pareva aver già preso la via dei canturini. Con una quarta frazione da 21 a 12 a proprio favore, è la Unahotels a fare suo il match. 71-72 il finale da Desio.

Pallacanestro Cantù occasione sprecata contro Reggio Emilia

Cantù non stravolge il suo quintetto e alla palla a due, come da pronostico, si presenta con Smith, Gaines, Pecchia, Leunen e Bayehe. Così composto, invece, lo schieramento iniziale degli ospiti: Taylor, Lemar e Kyzlink sugli esterni; Justin Johnson ed Elegar i lunghi titolari.

È ottima la partenza dell’Acqua S.Bernardo che, in avvio, ha in Leunen il suo interprete migliore, autore di tutti gli otto punti di Cantù. A guidare l’offensiva biancorossa è, invece, Lemar, a segno con sette dei nove punti della Reggiana, nel frattempo passata in vantaggio al 4’. A metà quarto Baldi Rossi, sulla sirena dei ventiquattro secondi, realizza il +3, dando fiducia ai suoi. Immediata, però, la risposta canturina, con Gaines e Jazz Johnson sugli scudi. 17-16 a due minuti dal termine del primo quarto. Tuttavia, nel finale sono Taylor e ancora Baldi Rossi a guidare la Unahotels, avanti con merito di quattro lunghezze. 19-23 al 10’.

Pronti, via: a inizio secondo quarto Reggio trova subito il +6 ma la reazione di Cantù non tarda ad arrivare. Jazz Johnson e Thomas, dalla panchina, forniscono alla squadra una bella spinta emotiva; trascinando il gruppo al momentaneo pareggio. 27 a 27 al 14’, time out Caja; Thomas scatenato con cinque punti in fila pesantissimi. Al rientro in campo, in cattedra ci sale anche il giovane Procida: poderosa la sua stoppata su Baldi Rossi, di dieci centimetri più alto. Grazie alla difesa di Thomas e all’estro in attacco di Gaines, i brianzoli tornano a macinare punti, senza subirne: 37-33 al 20’, 13 punti di Gaines; dall’altra parte doppia cifra per Lemar, a quota 10.

Al rientro dagli spogliatoi, a partire meglio è la Reggiana, molto più pimpante e fluida in attacco rispetto all’offensiva di Cantù. Il 43 pari firmato da Elegar al 24’ ne è la prova. A metà del terzo quarto è ancora Elegar a guidare la compagine biancorossa, trovando sotto canestro il momentaneo +2. Pronta, però, la fiammata canturina: Jazz Johnson serve splendidamente Pecchia che, in contropiede, schiaccia rabbioso i punti del controsorpasso. Gaines e Pecchia, da tre, colpiscono la difesa ospite senza sosta, regalando ai brianzoli tre possessi pieni di scarto. 57-49 a poco più di un minuto dalla fine del quarto. Alla sirena di fine terza frazione Cantù conduce ancora di otto lunghezze, 59-51 al 30’.

Come nel terzo periodo, anche nel quarto a partire meglio sono gli ospiti, autori di un mini-parziale di 6 a 0 a proprio favore che costringe coach Bucchi, dopo appena cento secondi, a spendere un time out. Cantù non si fa desiderare: Leunen torna a bersagliare da tre e i canturini agguantano, con merito, le cinque lunghezze di vantaggio. 62-57 a sei minuti e mezzo dalla fine. Justin Johnson, però, a 4’ dalla fine trova l’appoggio al tabellone che vale alla Unahotels il 62 pari. A prendere la squadra sulle spalle ci pensa Leunen, da veterano vero: tripla pesante al rientro in campo da un time out; Cantù ci crede. Anche Jazz Johnson, dall’angolo, manda a bersaglio una “bomba” pesante come un macigno, consentendo alla S.Bernardo di restare in vantaggio di tre punti. Elegar, dalla lunetta, fa 2/2 e Reggio torna in scia di Cantù. Parità. Nel finale Bayehe esce per cinque falli e Taylor, a tre secondi dall’ultima sirena, regala la gioia più grande alla Reggiana. Vincono gli ospiti 72 a 71. Cantù ora attesa da due partite delicatissime contro Fortitudo Bologna (fuori) e Sassari (in casa); ultima di regular season.

Necrologie