Menu
Cerca

Polizia locale Como 16 agenti premiati per merito FOTO

La Polizia locale Como ha festeggiato il 149esimo anno dalla fondazione. Diversi agenti sono stati premiati per merito: ecco di chi si tratta.

Polizia locale Como 16 agenti premiati per merito FOTO
Como città, 19 Gennaio 2018 ore 17:09

Questa mattina a Ponte Chiasso si è svolta la cerimonia per la celebrazione del 149° anniversario della fondazione della Polizia locale Como. Inoltre sono stati premiati 16 operatori che nel corso del 2017 si sono distinti per meriti.

Polizia locale Como: i premiati

A questo si aggiunge l’appuntamento di domani alle 11 a Villa Reale a Monza. L’agente scelto Luciano Di Salvo sarà infatti premiato dalla Regione Lombardia in occasione della giornata della gratitudine. Nel 2016, libero dal servizio, entrò in un appartamento in fiamme per salvare la proprietaria che in quel momento si trovava in casa e non aveva vie d’uscita.

Oggi sono invece stati premiati:

L’Assistente scelto Enrica Casartelli e l’Agente scelto Pasquale Prinzivalli. “Con altruismo e generoso slancio, durante un servizio di polizia di prossimità interveniva all’interno di abitazione, la cui anziana proprietaria, non dava cenni della propria presenza da due giorni. Dopo aver dato l’allarme al 118, unitamente ad altro collega ed al personale dei Vigili del Fuoco, passando attraverso una finestra riusciva ad accedere nell’appartamento ove la novantenne, sordomuta, veniva trovata riversa per terra a seguito di una caduta accidentale. Immediatamente soccorsa, trasportata presso una struttura sanitaria, la signora, grazie al provvidenziale intervento degli Agenti riceveva le cure del caso e successivamente veniva trasferita presso una casa di riposo per anziani”.
Como, 12 febbraio 2017.

Il commissario Marialuce Benedetti, l’Assistente Massimo Terzaghi e l’Agente scelto Luca Callari“Con spiccato acume investigativo e corale azione di tutti gli appartenenti all’Unità Specialistica Tutela dell’Ambiente e del Territorio, veniva individuato il responsabile di un cospicuo abbandono di rifiuti su suolo pubblico. L’autore della condotta illecita veniva identificato all’esito di articolata indagine di polizia giudiziaria, sviluppata con l’acquisizione mediante telecamera nascosta di circa novemila pose fotografiche; le immagini consentivano di risalire al titolare di una azienda operante nel settore del mobile, reo di aver scaricato complessivamente 850 chilogrammi di composti derivanti dalla attività imprenditoriale. Il materiale recuperato veniva posto sotto sequestro e l’uomo deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria, che avviava sul conto dello stesso le procedure per la rimessa in pristino dei luoghi, lo smaltimento dei rifiuti ed il pagamento della sanzione pecuniaria”.
Como, 30 ottobre 2017.

L’Assistente scelto Guido Frattini, l’Assistente scelto Danilo Proserpio, l’Assistente Massimiliano Tamburelli e l’agente Omar Tuttolomondo. “Evidenziando elevata professionalità, spirito di servizio e non comune determinazione, interveniva unitamente a personale del 118 nell’esecuzione di un accertamento sanitario obbligatorio. L’azione condotta su un paziente psichiatrico in preda ad una forte crisi, consentiva di neutralizzare e bloccare l’uomo, animato da gravi intenti suicidi. Grazie ad una perseverante e risoluta opera di mediazione da parte degli Agenti, la persona, che aveva anche minacciato azioni violente nei confronti dei vicini di casa e di tutti gli operatori intervenuti, dopo circa due ore veniva convinta a farsi accompagnare presso una struttura sanitaria, ove veniva sottoposta alle cure del caso”.
Como, 18 ottobre 2017.

Il commissario Luciana Costantini, la sovrintendente Maria Cristina Gianella, il sovrintendente Pasquale Notaro, l’Assistente scelto Luigi Iula, l’Assistente Walter Persichini e l’agente scelto Sergio D’Angelo. “Evidenziando elevata professionalità e spiccato acume investigativo, nel corso di un servizio di controllo del territorio, unitamente agli altri componenti dell’Unità Operativa Sicurezza Urbana, intercettava un motorino sospetto, che, alla vista degli Agenti, si dava a precipitosa fuga. Le ricerche immediatamente attivate portavano a rintracciare in breve tempo il giovane conducente, che nel frattempo aveva cercato riparo in una strada periferica della città. La perquisizione del motociclo consentiva di scoprire a bordo del mezzo la presenza di un chilo e cento grammi di sostanze stupefacenti (marijuana, hashish ed ecstasy) destinate al mercato dello “sballo” lariano. L’operazione si concludeva con l’arresto del responsabile ed il sequestro della droga, il cui valore una volta immessa sul mercato è stato stimato essere pari a circa diecimila Euro”.
Como, 12 settembre 2017.

L’agente scelto Sergio D’Angelo. “Libero dal servizio, con esemplare altruismo, prontezza e ferma determinazione, interveniva in soccorso di un collega della Polizia Locale colto da infarto durante un uscita in bicicletta. Dopo aver allertato il 118, avendo intuito la gravità delle condizioni, con l’aiuto di un turista scandinavo, effettuava al malcapitato un massaggio cardiaco grazie al quale questi riprendeva a respirare. Le manovre venivano praticate per diversi minuti sino all’arrivo dell’ambulanza e del medico. Gli accertamenti cardiologici successivi evidenzieranno come l’azione meritoria sia risultata determinante per salvare la vita all’Agente colto da malore. Chiaro esempio di elette virtù civiche e non comune senso del dovere”.
Sala Comacina (Co), 9 Luglio 2017.

Necrologie