oltre confine

Prete svizzero sotto inchiesta: l’accusa è sequestro di una donna straniera e lesioni

La Curia vescovile di Lugano ha garantito la massima collaborazione agli inquirenti.

Prete svizzero sotto inchiesta: l’accusa è sequestro di una donna straniera e lesioni
Como città, 22 Novembre 2020 ore 09:32

Prete svizzero sotto inchiesta: l’accusa è sequestro di una donna straniera e lesioni.

Prete svizzero sotto inchiesta: l’accusa è sequestro di una donna straniera e lesioni

Aperto un procedimento penale a carico di un 80enne sacerdote svizzero residente nel Luganese. A confermarlo nelle scorse ore sono il Ministero pubblico e la Polizia cantonale. Gli accertamenti dovranno in particolare stabilire eventuali comportamenti di rilevanza penale con riferimento alla presenza, in un appartamento occupato dall’uomo, di una 48enne cittadina straniera risultata priva di regolare permesso di soggiorno. Le ipotesi di reato sono quelle di sequestro di persona, coazione e lesioni semplici per condotta omissiva.

Spetterà al Giudice dei provvedimenti coercitivi (GPC) valutare la sussistenza dei presupposti per la conferma dell’arresto. L’inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Pamela Pedretti.

Sulla notizia è intervenuta con una nota stampa anche la Curia vescovile di Lugano: “Nella fattispecie non sono implicati minori. Da subito la Curia vescovile di Lugano ha garantito piena collaborazione agli inquirenti. Al momento non verranno rilasciate ulteriori dichiarazioni e per qualsiasi richiesta si rimanda al Ministero pubblico”.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia