in nottata

Prima la lite, poi appicca l’incendio: un arresto a Mozzate

Il tutto è avvenuto a Mozzate, all’interno del complesso immobiliare dell’ex albergo e ristorante “Villa Rosa”.

Prima la lite, poi appicca l’incendio: un arresto a Mozzate
Bassa Comasca, 27 Agosto 2020 ore 11:45

Nel corso della nottata di oggi, 27 agosto 2020, i militari della Stazione Carabinieri di Mozzate hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, B.A.L., cittadino marocchino, classe 1983, residente a Mozzate, responsabile dei reati di incendio, violenza e resistenza a pubblico ufficiale nonché danneggiamento aggravato.

Prima la lite, poi l’incendio: un arresto a Mozzate

Il tutto è avvenuto a Mozzate, all’interno del complesso immobiliare dell’ex albergo e ristorante “Villa Rosa”, situata all’interno del parco “Guffanti”, al cui interno si erano abusivamente introdotti dei cittadini maghrebini. Proprio alcuni contrasti relativi all’occupazione dell’immobile hanno originato un violento diverbio tra due di questi, sfociato nel successivo incendio di parte dell’immobile ad opera del soggetto arrestato. I militari della Stazione di Mozzate, prontamente intervenuti, hanno bloccato, non senza fatica, l’autore dell’incendio che più volte tentava di divincolarsi con calci e pugni dalla presa dei militari al fine di evitare l’arresto, proseguendo nella sua condotta anche dopo essere stato fatto salire sull’autovettura di servizio, poi danneggiata all’interno con forti calci. Nel frattempo le fiamme sono state domate dai Vigili del Fuoco di Appiano Gentile. L’arrestato, concluse le formalità di rito, sarà associato alla Casa Circondariale di Como a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia