Cronaca
Cronaca

Rapina una prostituta: arrestato un cermenatese

I fatti risalgono alla notte dello scorso 6 febbraio.

Rapina una prostituta: arrestato un cermenatese
Cronaca Canturino, 05 Marzo 2022 ore 11:20

Rapina una prostituta: arrestato questo mattina un uomo di Cermenate

L'arresto

Nel corso della mattinata di oggi, 5 marzo 2022, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Cantù - dopo una mirata attività investigativa, nell'ambito del servizio di contrasto alla recrudescenza dei reati predatori e del monitoraggio del fenomeno di sfruttamento della prostituzione - hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere emesso dal Tribunale di Como - Ufficio Gip nei confronti di un cittadino italiano, S.M. classe 1979, residente in Cermenate, per il reato di rapina ai danni di una prostituta.

I fatti

I fatti risalgono alla notte dello scorso 6 febbraio, quando l’uomo, lungo la S.P. 32 a Cermenate, si avvicinava ad una prostituta, facendola salire sulla sua autovettura dopo aver contrattato una prestazione sessuale. Condotta in luogo appartato, l’indagato con minacce intimava alla ragazza di consegnargli la borsetta. La ragazza, a quel punto, scendeva dal veicolo nel tentativo di allontanarsi ma l’uomo riusciva ad afferrarla per i capelli e, tirandola a sé, le copriva la bocca con una mano per non farla urlare, arrivando quindi a colpirla con forti schiaffi e pugni, allontanandosi infine con la borsa della malcapitata. Fortunatamente la donna, che riportava lesioni personali con una prognosi di 15 giorni, riusciva poco dopo a richiamare l’attenzione di una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile, fornendo ai militari operanti alcune indicazioni sull’autore della rapina e sul veicolo da questi utilizzato, risultato intestato a persona a lui non riconducibile.

L'attività di indagine

Gli immediati accertamenti e la successiva scrupolosa attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Como, portavano però all’individuazione del presunto responsabile e all’acquisizione di gravi indizi di colpevolezza a suo carico, portando alla luce anche il movente dell’azione criminale, ossia il procurarsi il denaro necessario all’acquisto dello stupefacente di cui l’indagato risulta consumatore. L’Autorità Giudiziaria, recependo le risultanze investigative prodotte, ha emesso dunque il citato provvedimento restrittivo, cui è stata data esecuzione dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile che, dopo averlo rintracciato, procedevano nei confronti di S.M. all’esecuzione dell’ordinanza e alla sua traduzione presso la Casa Circondariale di Como.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie