A Cantù

Sos ristoranti class action di Fratelli d’Italia contro il Governo

Un'azione legale cumulativa del mondo della ristorazione contro il governo che dal marzo scorso ha gestito la pandemia

Sos ristoranti class action di Fratelli d’Italia contro il Governo
Cronaca Canturino, 07 Febbraio 2021 ore 10:03

La campagna “Sos ristoranti” di Fratelli d’Italia è nata su iniziativa del capogruppo del partito alla Camera, Francesco Lollobrigida. Si tratta, di un’azione legale cumulativa del mondo della ristorazione contro il governo che dal marzo scorso ha gestito la pandemia.

Sos ristoranti class action di Fratelli d’Italia contro il Governo

È questa l’iniziativa presentata venerdì 5 febbraio, dalla sezione canturina di Fratelli d’Italia. Aderendo a “Sos Ristoranti” si potrà partecipare gratuitamente alla class action che è stata ideata a livello nazionale dal partito. “Queste categorie sono state messe in ginocchio e sbeffeggiate, serve un risarcimento più che parlare di ristori. Al momento abbiamo già dieci tra ristoratori e baristi canturini che hanno già aderito all’iniziativa», hanno spiegato il consigliere comunale Valeriano Maspero e il coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia Raffaele Marcantonio.

“I ristori non sono sufficienti”

“In questi mesi è emersa, in maniera lampante, una certa “ostilità” del Governo nei confronti della ristorazione e non solo. Infatti, dopo la prima fase, in cui tutte le attività commerciali e di servizi alla persona sono rimaste chiuse, negli ultimi mesi bar e ristoranti, ma anche palestre e parrucchieri, cinema e teatri e tutto il mondo della cultura, hanno dovuto adottare sistemi di sicurezza, quindi affrontare dei costi, per poi rimanere chiusi. Pertanto, o le misure non servivano o per quale ragione non tenerli aperti? Inoltre, i ristori non sono sufficienti e, per di più, la scelta del colore di una zona, rossa o gialla, è stata repentina e, talvolta, illogica non permettendo, di fatto, ai titolari di organizzarsi.

I danni subiti dagli esercenti sono ingenti anche nella nostra città, e la stampa li sta rimarcando quasi quotidianamente, dunque questa iniziativa nazionale è meritoria e concretamente utile per sostenere economicamente chi si trova i conti dell’azienda in rosso se nel peggiore dei casi non l’ha dovuta chiudere del tutto. Tutte le categorie che operano nei settori della ristorazione e della somministrazione di cibi e bevande – a nostro avviso abbandonate dal Governo – potranno aderire gratuitamente e senza alcun vincolo alla causa promossa da Fratelli d’Italia. Abbiamo motivo di ritenere che sia davanti alla giustizia amministrativa che a quella civile esistano gli estremi per ottenere, in un’azione legale collettiva davanti ai TAR di tutta Italia, la totale riapertura e, davanti al tribunale civile, un congruo risarcimento dei guadagni perduti In questa delicata fase pandemica, i titolari di ristoranti, bar, pub e attività di somministrazione di alimenti e bevande hanno bisogno di un aiuto concreto.

Grazie alla collaborazione di Fratelli d’Italia, chi vorrà potrà aderire gratuitamente ad un’azione comune di indennizzo con la quale far valere in giudizio i propri interessi. Nei prossimi giorni saremo in prima linea per incontrare personalmente gli esercenti del territorio che desiderano sottoscrivere questa iniziativa, per dar loro la prova tangibile che esiste una politica che non si gira dall’altra parte ma guarda in faccia il paese e tende la mano a chi ne ha più bisogno.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli